5 frasi che non dovremmo mai dire a chi sta passando un brutto momento perché lo faranno stare peggio

0
- Annuncio pubblicitario -
invalidazione emotiva

Ci sono poche cose peggiori dell’invalidazione emotiva, soprattutto quando proviene dalle persone più vicine, quelle che dovrebbero capirci e sostenerci nei momenti peggiori. A volte l’empatia brilla per la sua assenza e al suo posto troviamo un muro di incomprensione.

L’invalidazione emotiva è l’atto di respingere, ignorare o rifiutare le emozioni, i sentimenti e gli stati affettivi di una persona. Molte volte viene fatto con le migliori intenzioni, per cercare di tirarci su il morale o distrarci dalle nostre preoccupazioni, ma la verità è che questo atteggiamento finisce per trasmettere il messaggio che ciò che sentiamo non ha importanza, è inappropriato o fuori luogo. Questo, ovviamente, non ci aiuta a stare meglio.

Frasi comuni che nascondono l’invalidazione emotiva

1. “Non è così grave”

Tutti noi, a un certo punto della nostra vita, abbiamo sentito un “non è così grave” o alcune sue varianti, come “non preoccuparti, è una sciocchezza” o “stai esagerando”. Spesso, queste espressioni hanno lo scopo di minimizzare il problema in modo da farci smettere di preoccuparci. Ma generalmente ottengono l’effetto opposto.

- Annuncio pubblicitario -

Quando qualcuno ci dice che non è così grave, è come se ci stesse dicendo che non siamo in grado di affrontare le difficoltà della vita o, peggio ancora, che stiamo facendo una tempesta in un bicchiere d’acqua, vedendo drammi dove non esistono. Quella frase minimizza le nostre reazioni emotive, per cercare di inibirle, sostenendo che sono eccessive rispetto all’evento che le innesca.

Dovremmo invece tenere a mente che non tutti abbiamo gli stessi valori e priorità nella vita, quindi ci preoccupiamo di cose diverse e in modi diversi. Quello che può essere un grosso problema per una persona, può essere solo un banale fastidio per un’altra. Ogni esperienza è vissuta in modo unico ed è importante rispettare le emozioni che genera.

2. “Devi essere forte”

Ci sono situazioni nella vita in cui, per quanto resilienti siamo, è difficile non crollare. Quando attraversiamo una serie di situazioni negative incontrando un problema dopo l’altro o le avversità ci colpiscono senza preavviso, sentirsi dire che dobbiamo essere forti non è molto utile.

Sentirsi abbattuti, tristi o nostalgici non implica essere deboli. Significa essere umani. Significa che siamo feriti o ci sentiamo feriti. Vuol dire che una situazione ci ha travolto. E non c’è niente di sbagliato in questo. Perché non c’è niente di sbagliato nell’esprimere il proprio disagio interiore.

In effetti, la frase “devi essere forte” può anche trasmettere un senso di superiorità o addirittura disprezzo. È come se quella persona ci stesse osservando dall’alto in basso, così che invece di darci forza, potrebbe farci sentire ancora più piccoli, impotenti e incapaci di gestire ciò che ci sta accadendo.

3. Animati/Rilassati

Ci sono due parole che fanno sentire particolarmente male: “tirati su” o “animati” per chi è depresso e “rilassati” per chi è ansioso. Poiché depressione e ansia non sono degli stati scelti volontariamente e non sono esattamente goduti dalla persona, le esortazioni a cambiare il proprio umore non sono solo banali ma spesso dannose perché comportano un invalidamento emotivo.

In fondo, chiedere a qualcuno di tirarsi su di morale o di rilassarsi nasce solitamente dall’idea che i disturbi psicologici possono essere combattuti solo con la forza di volontà, quindi, in un certo modo, significa anche farlo sentire in colpa. Ovviamente, la forza di volontà è importante per affrontare condizioni come ansia e depressione, ma di solito non è sufficiente.

Inoltre, il tentativo di seguire tali consigli spesso non ha successo e genera ulteriore frustrazione. Le persone depresse che osano andare a una festa, ad esempio, spesso si sentono peggio confrontando il loro umore con quello degli altri. Le persone con un attacco di ansia che cercano di fare respiri profondi per rilassarsi possono terminare iperventilando. Ognuno ha un ritmo di guarigione che non dovrebbe essere forzato.

4. “Non piangere per queste sciocchezze”

- Annuncio Pubblicitario -

“Non piangere per questo, non ne vale la pena” o “Piangi di nuovo per questo?!” Sono frasi comuni che abbiamo sentito spesso durante la nostra infanzia, ma è probabile che continueremo a sentirle in età adulta. Si tratta di affermazioni invalidanti che dovrebbero presumibilmente tirarci su il morale ma in realtà esprimono semplicemente una disconnessione emotiva.

Piangere è un’espressione di tristezza, dolore, frustrazione, desiderio o delusione. Le lacrime compaiono quando ciò che proviamo ci travolge. Hanno infatti un enorme potere catartico e ci aiutano a calmarci. Chi ci dice che stiamo piangendo inutilmente non ci farà sentire meglio.

Quella frase invalida completamente la nostra prospettiva e ci incoraggia a nascondere le nostre emozioni perché percepiamo che esprimerle non sia accettabile. Alla fine, ci spinge a isolarci e nascondere i nostri problemi perché percepiamo che non c’è nessuno ad ascoltarci e sostenerci.


5. “Ci sono passato anch’io, poteva essere peggio”

Nella vita tutto può peggiorare. È vero. Ma immergersi nelle immagini dantesche e dare libero sfogo al pensiero catastrofico non è il modo migliore per sentirsi meglio. Se a questo aggiungiamo l’ingrediente narcisistico di chi afferma di aver già vissuto qualcosa di simile, la ricetta per l’invalidazione emotiva è pronta.

In realtà nessuno vive le stesse situazioni perché, sebbene le circostanze esterne siano simili, la realtà affettiva di ogni persona è unica. Quando qualcuno deve affrontare una situazione emotivamente complessa, l’ultima cosa che si aspetta è che la persona a cui chiede appoggio ricorra all’egocentrismo con frasi che suggeriscono che il suo problema non è così grande o importante.

Anche se incoraggiare qualcuno a vedere il lato negativo di una situazione può aiutarlo ad assumere una prospettiva adeguata e a calmarsi, spesso tali affermazioni mostrano semplicemente un disinteresse nel mettersi nei panni di qualcun altro e implicano un giudizio comparativo. Dopotutto, il fatto che la vita possa portarci problemi sempre maggiori non significa che le avversità attuali facciano meno male.

Come convalidare le emozioni in modo assertivo e rispettoso?

Molte delle frasi invalidanti mirano infatti ad aiutare la persona ad assumere una distanza psicologica dal proprio problema in modo da poterlo vedere con occhi diversi o con maggiore serenità. Si tratta, infatti, di frasi che abbiamo sentito in passato e che riproduciamo senza pensare troppo alle loro implicazioni e significati.

Tuttavia, se vogliamo davvero aiutare una persona, dobbiamo essere consapevoli che il modo in cui le cose vengono dette è importante quanto ciò che viene detto. Per evitare di fare danni, è importante rispettare e convalidare le sue emozioni. Frasi come “Capisco quello che provi”, “Mi dispiace molto che ti senta in questo modo” o “Capisco la tua situazione” facilitano la connessione emotiva.

È anche importante evitare la tendenza a dare consigli non richiesti. Sentirsi male non significa necessariamente non sapere cosa fare. A volte abbiamo solo bisogno di un po’ di tempo per riprenderci. Piangere la perdita. Riposare. Recuperare le forze… In quei casi non abbiamo bisogno di qualcuno che ci dica cosa dobbiamo fare o come dobbiamo affrontare la situazione. Non abbiamo bisogno di qualcuno che ci pressioni o ci dica che stiamo reagendo in modo esagerato, solo una spalla amichevole e un orecchio comprensivo.

Se siamo preoccupati per le condizioni della persona, è meglio chiedere cosa possiamo fare per aiutarla. Un “Ci tengo a te, come posso aiutarti?” è molto più rispettoso dei consigli indesiderati che finiscono per essere iatrogeni.

In generale, dobbiamo iniziare a sentirci più a nostro agio nel parlare e nell’esprimere le nostre emozioni, invece di cercare di invalidarle spingendo gli altri a nasconderle semplicemente perché non abbiamo voglia di metterci nei loro panni o ci sentiamo a disagio con tristezza, pianto o rabbia.

Assumere un atteggiamento più empatico e ricettivo è un primo passo molto importante verso la convalida emotiva degli altri e di noi stessi. Condividere il nostro universo affettivo è un’esperienza incredibile, ma è necessario che abbia risonanza negli altri. Se le nostre emozioni rimbalzano sul muro dell’indifferenza, ci ritireremo sempre di più in noi stessi.

La entrada 5 frasi che non dovremmo mai dire a chi sta passando un brutto momento perché lo faranno stare peggio se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteCiro Immobile e Jessica Melena genitori per la quarta volta: è nato Andrea!
Prossimo articoloFrancesco Totti pronto per un figlio con Noemi Bocchi: l’indiscrezione di Alex Nuccetelli
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!