Tratti il tuo partner come se fosse tuo figlio? è una pessima idea

0
- Annuncio pubblicitario -
trattare partner come un figlio

“Ho quattro figli, tre piccoli e uno grande, mio ​​marito”, dicono alcune donne. “Sento di essere la madre del mio compagno”, lamentano altre.

Non è da meno. Un sondaggio condotto qualche anno fa ha rivelato che quasi la metà delle donne ammette che i mariti le stressano 10 volte più dei figli.

Indubbiamente, la biologia e la società patriarcale esacerbano il senso della maternità. Ma questa è solo una parte della storia. Trattare il partner come se fosse un figlio in più è un fenomeno complesso che va ben oltre il genere per addentrarsi nella psicologia della persona e nelle dinamiche della relazione. Capire cosa sta succedendo e arrestare questa tendenza è essenziale per non danneggiare la relazione.

Perché una persona “adotta” il proprio partner come un bambino?

Sono molte le ragioni che fanno nascere nella coppia un rapporto genitore-figlio. Infatti, spesso non c’è un’unica causa ma piuttosto una confluenza di fattori psicologici:

- Annuncio pubblicitario -

1. Replicare un modello relazionale appreso. Molte persone finiscono ripetutamente intrappolate nel ruolo di “genitori” o “figli” dei loro partner perché stanno replicando uno schema relazionale che hanno appreso. È probabile che questo schema derivi dalla relazione che avevano i loro genitori. Se uno dei loro genitori si assumeva tutte le responsabilità in casa o all’interno della famiglia e l’altro tendeva a comportarsi in modo più immaturo e irresponsabile, potevano pensare che questa fosse la normale dinamica tra due persone che si amano. Forse credi che sia naturale per uno essere il dominante e custode mentre l’altro è sottomesso. Se non hai mai messo in discussione quel modello, è probabile che lo utilizzi per mantenere le tue relazioni.

2. Stabilire una dinamica di controllo che offra stabilità. Le persone che hanno sperimentato molta incertezza e instabilità o hanno subito perdite traumatiche in passato possono sviluppare uno stile di attaccamento ansioso che le porta a cercare di controllare l’altro. Controllare ogni passo che il partner fa, diventare suo “padre” o “madre”, permette loro di ristabilire la sensazione di sicurezza e stabilità che tanto desiderano, evitando di rivivere la paura, la tristezza e il dolore del passato.

3. Mantenere viva una relazione con una persona troppo diversa. In alcuni casi, la necessità di controllare o guidare l’altro è il risultato di una profonda insicurezza personale che deriva da decisioni, atteggiamenti, punti di vista o comportamenti del partner, che si discostano troppo dal tuo modo di vedere il mondo. Ad esempio, se sei una persona molto metodica, organizzata e responsabile, vivere con qualcuno che non lo è può essere una grande sfida. In tal caso, per cercare di salvare la relazione, puoi provare a diventare il genitore/segretario del tuo partner, organizzando e dirigendo la sua vita perché pensi che il suo comportamento e le sue priorità siano più simili a quelli di un bambino piccolo che a quelli di un adulto maturo. Questo ti genera una profonda insicurezza, che cerchi di compensare controllando la vita di coppia.

Perché non dovresti cercare di educare, correggere o controllare il tuo partner?

All’inizio è probabile che la persona che assume il ruolo di “padre” o “madre” voglia solo salvare il rapporto e aiutare l’altro a maturare. Con pazienza, lo incoraggia a prendere decisioni diverse. “Forse dovresti alzarti prima per essere puntuale.” “Forse dovresti tenere un elenco delle tue spese in modo da poter risparmiare.” “Magari potresti scrivere i tuoi impegni in una agenda per non dimenticarli”…

Tuttavia, se l’altra persona non è ricettiva a questi suggerimenti, diventeranno rapidamente dei promemoria e successivamente dei comandi imperativi. Un “non dimenticare di…” diventa un “devi fare…”.

A quel punto sei già diventato il “padre” o la “madre” del tuo partner. Ti sei rassegnato ad assumerti le sue responsabilità e lo guidi come se fosse un bambino piccolo. Il problema è che questa è la via più diretta all’insoddisfazione.

Prima o poi, la persona che funge da “padre” o “madre” sarà sopraffatta dal doppio lavoro. Deve ricordare i suoi impegni e quelli del partner. Prendere decisioni per entrambi. Progettare il futuro insieme. Affrontare i suoi errori… E tutto questo con un aiuto minimo.

- Annuncio Pubblicitario -

D’altra parte, chi assume il ruolo di “figlio” finirà per sentirsi controllato. Ad un certo punto sentirà che gli manca l’ossigeno psicologico perché non può essere se stesso. L’imposizione di compiti, responsabilità e persino modi di vedere il mondo può finire per offuscare la sua personalità, costringendolo a seguire un percorso che non avrebbe scelto liberamente.

Questo tipo di relazione configura una dinamica di potere profondamente diseguale. Alla lunga, questa dinamica relazionale genera frustrazione, risentimento e malcontento. Il “padre” o la “madre” impone le regole e fa in modo che il “figlio” le rispetti. Questo crea una situazione di dipendenza che può funzionare per un po’, ma a lungo termine è probabile che il “bambino” decida di ribellarsi o il “padre” crolli sotto il peso della responsabilità.

Come rompere i ruoli di “madre” e “figlio” in una relazione?

Quando iniziamo una relazione, portiamo con noi un bagaglio emotivo fatto di convinzioni, prospettive, aspettative, valori ed esperienze passate. In effetti, molto prima di iniziare la tua attuale relazione, avevi già un’idea preconcetta di come avrebbe dovuto essere o di come dovevi comportarti. Pertanto, se si desidera mantenere una relazione sana e in crescita per entrambi, è necessario fare un esercizio d’introspezione.

La persona che assume il ruolo di “padre” o “madre” è solitamente un assistente sociale nato. Gli piace prendersi cura degli altri e mostra il suo amore facendolo. Ma di solito è anche una persona controllante, molto esigente e che crede che ci sia un solo modo corretto di fare le cose. Generalmente vede il suo partner come qualcuno che ha bisogno di assistenza perché è irresponsabile, indifeso e/o incompetente. Ciò significa che ha difficoltà a rispettare i limiti del partner o fidarsi che faccia la cosa giusta.

D’altra parte, chi assume il ruolo di “figlio” è più passivo e potrebbe persino godere di quelle attenzioni e cure – almeno all’inizio della relazione. Si tratta solitamente di persone che hanno difficoltà a stabilire dei limiti e farli rispettare, quindi generalmente ricorrono a comportamenti passivo-aggressivi. Spesso hanno bisogno di un po’ di ordine e sicurezza nella loro vita, ma poiché hanno difficoltà ad assumersi le proprie responsabilità, preferiscono lasciare che siano gli altri a occuparsene. Ma con il tempo inizieranno a sentire che il loro partner non li rispetta, si sentiranno indifesi nella relazione e inizieranno ad allontanarsi.

Ciò significa che per rompere i ruoli genitore-figlio è fondamentale che ciascuno guardi dentro se stesso. Di solito è più facile vedere la pagliuzza negli occhi degli altri che la trave nei propri, quindi è probabile che ti concentri sulla ricerca di spiegazioni nei difetti dell’altro per evitare il duro lavoro necessario per cambiare te stesso.

Invece di concentrarti sulle abitudini che non ti piacciono nel tuo partner, rifletti sulle tue aspettative rispetto alla relazione. Può essere vero che tu sia la persona più matura e compromessa, ma forse speri anche che il tuo partner si adatti al tuo modello. Forse stai cercando di cambiare la persona accanto a te per adattarla al tuo ideale o modo di essere.

Ricorda invece che le relazioni non devono essere giudicate ma esplorate, comprese e apprezzate. Di norma, meglio capisci te stesso, meglio puoi fare l’apparentemente impossibile: accettare il tuo partner per quello che è e non per quello che vuoi che sia.

È probabile che a un certo punto dovrai anche fermarti a riflettere e chiederti se vale davvero la pena salvare quel rapporto o meno. Pensa a cosa ti ha condotto verso quella persona. A volte, accecati dalla pressione quotidiana, possiamo dimenticare che condividiamo gli stessi valori o desideriamo le stesse cose, anche se non sempre siamo d’accordo sul percorso da seguire per raggiungerle.

Per questo è importante che parliate dei vostri ruoli nella relazione, delle vostre aspettative, del livello di soddisfazione e del modo di concepire la vita di coppia. Forse potete trovare un accordo. Forse no. Ma sicuramente entrambi maturerete come persone.


La entrada Tratti il tuo partner come se fosse tuo figlio? è una pessima idea se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteFederico Fashion Style, lo sfogo dopo l’addio a Letizia: “Non rimpiango nulla”
Prossimo articoloGf Vip, indiscrezione shock su Edoardo Tavassi: il suo cuore sarebbe già impegnato
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!