È evidente, ormai, che i social siano una parte integrante della nostra vita. Se da una parte ricoprono un ruolo imprescindibile nelle comunicazioni e nell’informazione, soprattutto in seguito all’emergenza Covid-19, dall’altra possono trasformarsi in un’arma di autodistruzione da cui proteggersi. Ebbene sì, perchè l’utilizzo compulsivo di device tecnologici come smartphone, tablet e pc rischia di degenerare in una vera e propria dipendenza digitale da cui urge disintossicarsi alla svelta, ond’evitare terribili conseguenze sul proprio corpo e sulla propria mente. È per questo che negli ultimi anni si parla sempre più spesso di Digital Detox, ovvero una “dieta” digitale durante la quale prendersi una pausa e rivedere il proprio approccio al mondo online. In questo articolo, ti illustreremo passo passo in cosa consiste il digital detox, com’è possibile attuarlo e quali sono i benefici che se ne possono trarre!

Digital detox: cos’è

Per Digital Detox si intende l’allontanamento volontario e momentaneo, più o meno prolungato, dai social network, ma più in generale da tutti quei device tecnologici di cui facciamo uso giornalmente per navigare su Internet, quali tablet, pc e smartphone. Si tratta di una vera e propria forma di disintossicazione dalla tecnologia, resa necessaria da un abuso degli strumenti digitali e dalle drammatiche conseguenze che questa forma di dipendenza si porta dietro. In Italia, in particolare, la pratica del Digital Detox ha guadagnato una certa popolarità dopo la pubblicazione dell’omonimo libro a opera di Alessio Carciofi. Alessio Carciofi è un docente in Marketing & Digital Wellbeing e all’interno del saggio “Digital Detox” ha spiegato in maniera approfondita i due possibili metodi con cui attuare questa dieta digitale. Da una parte troviamo l’approccio filoamericano che impone “la disconnessione forzata da tutti gli smartphone, i device o dalla strumentazione digitale per un paio di giorni o poco più”, dall’altra, invece, una sorta di pausa di riflessione durante la quale rivedere il proprio modo di approcciarsi alla tecnologia, migliorandolo.

A chi è consigliato il Digital Detox

Sebbene l’attuazione di un Digital Detox sarebbe consigliabile a tutti di tanto in tanto, la si raccomanda soprattutto a chi soffre di IAD, sigla con cui si fa riferimento all’Internet Addiction Disorder, un disturbo dovuto a una sovraesposizione mediale trasformatasi alla lunga in una dipendenza a tutti gli effetti. Dunque, quando l’utilizzo di social media e smartphone diventa incontrollato e prende il sopravvento sull’utente, è bene staccare, anche solo per un momento, la spina e allontanarsi dal mondo online.

Cos’è il digital detox© Getty Images

Quali sono le conseguenze della dipendenza da Internet?

Le conseguenze dovute a un uso eccessivo di Internet e della strumentazione tecnologica sono molteplici e tutte altamente pericolose e potenzialmente destabilizzanti per la salute fisica e psichica dell’individuo. Considerando che in Italia, come riportato dal Digital Report 2020, passiamo in media 6 ore su Internet ogni giorno, quello della dipendenza digitale è un problema che ci riguarda da vicino e che interessa la stragrande maggioranza di noi. Dunque, vediamo nel dettaglio quali possono essere le principali ripercussioni riscontrate in conseguenza a un abuso digitale:

 

Quali sono le conseguenze della dipendenza da Internet© Getty Images

Quali sono le cause della dipendenza da Internet?

Le principali cause per cui, negli ultimi anni, sempre più persone hanno sviluppato una dipendenza digitale possono essere le seguenti:

Digital detox: come disintossicarsi dai social

Esistono diverse soluzioni con cui disintossicarsi dai social e mettere in pratica quello che può essere definito a tutti gli effetti un rehab tecnologico. Ecco le più gettonate:

 

Digital Detox: come disintossicarsi dai social© Getty Images

Quali sono i benefici del Digital Detox?

Il digital detox può trasformarsi in un’esperienza davvero liberatoria e regalarci una serie di innumerevoli benefici. Prendendo le distanze per un momento o per un certo periodo da strumenti tecnologici e social network, la nostra soglia di concentrazione subirebbe un netto miglioramento e la nostra mente risulterebbe immediatamente più rilassata. Senza considerare che, eliminando momentaneamente la tecnologia dalla nostra vita, avremmo molto più tempo libero da dedicare ad attività costruttive e formative, quali sport, lettura et cetera.

Digital Detox: le app per disintossicarsi

Sembra paradossale, ma, per aiutarti nel tuo percorso di disintossicazione digitale, esistono persino diverse app che fungono da veri e propri tutori che monitorano e imitano l’uso che fai delle diverse piattaforme social.

Social Fever: si tratta di un’app che spinge l’utente a dedicarsi ad attività offline come una passeggiata o la lettura di un libro, dando feedback serali sulla qualità della giornata e sul tempo trascorso tra social e mail.

Off the Grid – Digital Detox è un’app che filtra le notifiche per evitare di essere bombardati da “ping” costanti.

Forest – Stay Focused invita gli utenti a prefissarsi degli obiettivi per ottimizzare il proprio rendimento giornaliero al di fuori di Internet.

Fonte articolo Alfemminile

Buy traffic for your website