Stress cumulativo, un nemico insidioso

0
- Annuncio pubblicitario -
stress cumulativo

Lo stress cumulativo è uno dei nemici moderni più sottovalutati, ma quello che può farci il maggior danno. Di solito cresce lentamente, nascosto dietro gli obblighi e la fretta quotidiana, così che quando ci rendiamo conto della sua presenza di solito è troppo tardi perché le sue ramificazioni hanno influito sulla nostra salute e ci hanno danneggiato emotivamente.

Infatti, uno studio condotto presso la Yale University ha rivelato che esporsi continuamente a situazioni stressanti può causare cambiamenti a livello cerebrale che, a lungo andare, finiscono per aumentare la nostra vulnerabilità allo stress. I ricercatori dell’Università della California hanno anche scoperto che lo stress cumulativo aumenta la nostra tendenza all’impulsività, il che ci porta a prendere decisioni peggiori e ad avere più problemi. Di conseguenza, siamo immersi in uno stressante circolo vizioso mentre guardiamo con un po’ di stupore e impotenza mentre la tensione e l’angoscia psicologica si accumulano nelle nostre vite.

Cos’è lo stress cumulativo e come si produce?

Lo stress è una risposta naturale della mente e del corpo a una situazione che percepiamo come minacciosa o impegnativa e per la quale non abbiamo le risorse necessarie per affrontarla. Esistono diversi tipi di stress e non sono tutti negativi. L’eustress, ad esempio, può darci una dose extra di energia per affrontare una situazione nuova e impegnativa aiutandoci a mobilitare tutte le nostre risorse per reagire in modo rapido ed efficiente.

Tuttavia, quando non rilasciamo lo stress, ma questo viene mantenuto nel tempo, si tratta di stress cumulativo. Questo tipo di stress è solitamente prodotto dall’accumulo di piccole situazioni che generano disagio e tensione emotiva, come un carico di lavoro sostenuto, conflitti familiari o relazionali irrisolti, frustrazioni personali che si protraggono per anni o qualsiasi altra circostanza che ci fa sentire impotenti o limitati.

- Annuncio pubblicitario -

Lo stress cumulativo può anche essere il risultato di situazioni specifiche che generano angoscia e che si sono verificate relativamente vicino nel tempo, quindi non abbiamo avuto abbastanza tempo per riprenderci dal loro impatto. È il caso della morte di persone care, la perdita del lavoro, la rottura di un rapporto o il fallimento di un progetto professionale. Quando questi fattori si uniscono nel tempo, è normale che lo stress si accumuli e ci destabilizzi.

Va anche detto che le situazioni che generano stress non hanno sempre un’impronta negativa. Ad esempio, la nascita di un figlio, andare a vivere con il partner o trasferirsi in un’altra città sono cambiamenti positivi che portano anch’essi una parte di incertezza o ansia, quindi possono contribuire allo stress cumulativo.

I principali sintomi dello stress cumulativo

Ciò che può essere stressante e angosciante per una persona potrebbe non esserlo per un’altra. Tutto dipende dalla percezione individuale, dal grado in cui ci sentiamo minacciati e dal controllo che abbiamo sulle circostanze. Infatti, la cosa più stressante per la maggior parte delle persone è la sensazione di non poter controllare la situazione.

Ovviamente, quando ci troviamo di fronte a situazioni estreme, come un disastro naturale o la perdita di una persona cara, è facile rendersi conto di essere stressati e sconvolti. Invece, lo stress cumulativo aumenta gradualmente, così non sempre ci rendiamo conto che stiamo attraversando un periodo di esaurimento fisico e mentale.

Lo stress innesca sempre una serie di risposte fisiologiche mediate dal sistema nervoso autonomo che finiscono per influenzare la nostra stabilità emotiva scatenando sintomi fisici. Quando viviamo una situazione stressante dopo l’altra, la nostra mente e il nostro corpo non hanno alcuna possibilità di riprendersi e sono costretti a lavorare al massimo per affrontare la sfida successiva. Ciò riduce le nostre risorse di coping (affrontamento) e aumenta il rischio di somatizzazione.

Pertanto, lo stress può manifestarsi nel corpo in diversi modi. Può causare nausea, vertigini, problemi gastrointestinali, tensione muscolare, cefalea di tipo tensionale, disturbi del sonno o problemi della pelle e perdita di capelli. Non possiamo infatti dimenticare che “il prolungato aumento del cortisolo, il principale biomarcatore dello stress, è associato a un deterioramento della salute fisica e cognitiva”, come sottolineano i ricercatori dell’Università di Yale.

- Annuncio Pubblicitario -

Da un punto di vista psicologico, rabbia patologica, sbalzi d’umore improvvisi, irritabilità, frustrazione e la sensazione di essere continuamente sopraffatti sono alcuni dei sintomi più evidenti dello stress.

Ad ogni modo, lo stress cumulativo può essere rilevato in anticipo prestando attenzione ad altri segnali più sottili che normalmente trascuriamo, come una sensazione di stanchezza permanente, anche appena svegliati. La sensazione di apatia o una sensazione di vuoto sono altri segnali premonitori di stress cumulativo. Risposte esagerate alla minima battuta d’arresto, problemi di concentrazione, perdita di motivazione o persino nebbia mentale sono altri segnali di stress nelle sue fasi iniziali.

Come prevenire lo stress cumulativo?

La buona notizia è che lo stress cumulativo è evitabile e reversibile. Per questo, dobbiamo partire dall’autoconoscenza. Dobbiamo essere consapevoli delle nostre risorse fisiche e psicologiche, nonché dei nostri limiti. Solo allora possiamo attuare le strategie di coping più appropriate in base alle circostanze.

Dobbiamo anche imparare a organizzare la nostra quotidianità in modo da fare spazio al riposo, alla disconnessione e al relax perché quei momenti sono ciò che ci consente di ricaricare la nostra batteria emotiva e impedire che lo stress si accumuli eccessivamente.

Naturalmente, dobbiamo anche stabilire dei limiti e imparare a dire “no”. Dobbiamo imparare a non sovraccaricarci di compiti e obblighi che non ci corrispondono o che non sono rilevanti, perché finiranno per aggiungere un’ulteriore tensione che si aggiungerà allo stress quotidiano. Ma soprattutto dobbiamo imparare a dire “basta” e prenderci il tempo che ci serve. Dobbiamo imparare a prenderci cura di noi stessi seriamente.

Fonti:

McMullin, S. D. et. Al. (2020) Cumulative lifetime stress exposure predicts greater impulsivity and addictive behaviors. J Health Psychol; 9: 1359105320937055.

Levy, B. R. et. Al. (2016) Buffer against cumulative stress: Positive age self-stereotypes predict lower cortisol across 30 years. GeroPsych: The Journal of Gerontopsychology and Geriatric Psychiatry; 29(3): 141–146.


Seo, D. et. Al. (2014) Cumulative Adversity Sensitizes Neural Response to Acute Stress: Association with Health Symptom. Neuropsychopharmacology; 39: 670–680.

La entrada Stress cumulativo, un nemico insidioso se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -