Sindrome di Hubris, persone la cui arroganza non conosce limiti

0
- Annuncio pubblicitario -

Gli antichi greci pensavano che le persone eccessivamente arroganti, prepotenti e altezzose fossero dominate dalla hýbris. In effetti, la dea Hybris personificava l’insolenza e la mancanza di moderazione. Si credeva che Hybris trascorresse gran parte del suo tempo tra i mortali, quindi non sorprende che li “contagiasse” con le sue cattive maniere.

I greci usavano la parola hýbris per indicare eccesso, orgoglio e arroganza, ma non quelli che nascono da un impulso irrazionale e squilibrato, quanto piuttosto il tentativo consapevole di trasgredire i limiti imposti dalla società e dagli dei. Pertanto, implicava un disprezzo per lo spazio e i diritti degli altri.

Nell’antica Grecia, questo concetto era strettamente legato alle Moire, i tre esseri mitologici che infilavano, misuravano e tagliavano il filo della vita. In pratica, la persona contagiata da Hybris pensava di avere diritto a più filo di quello che gli era stato assegnato, credendosi superiore, e si ribellava al proprio destino.

Per questo motivo, i greci credevano che Hybris contagiasse principalmente re, imperatori, tutti i tipi di governanti, politici, soldati e grandi mercanti. Attualmente, la mitologia greca è entrata in psicologia attraverso la sindrome di Hubris.

- Annuncio pubblicitario -

Cos’è la Sindrome di Hubris?

Nel 2008 il neurologo britannico David Owen, che fu anche cancelliere e membro della Camera dei Lord, pubblicò un libro in cui si riferiva al profilo psicologico e al comportamento di alcuni politici, coniando il termine “sindrome di hubris”. Lo usava per descrivere coloro che credevano di essere destinati a grandi imprese, mostravano una tendenza alla grandiosità e all’onnipotenza e non erano in grado di ascoltare gli altri, essendo insensibili alle critiche.

Pertanto, ritenne che la sindrome di hubris fosse un disturbo psichiatrico acquisito che colpisce le persone che esercitano il potere in una qualsiasi delle sue forme. Questo squilibrio li priva dell’empatia e li allontana dalla realtà, lasciando al suo posto orgoglio e arroganza. Sarebbe quindi uno dei molteplici effetti del potere sulle persone.

I 14 sintomi della sindrome di Hubris

Lo stesso David Owen e lo psichiatra Jonathan Davidson raccolsero i principali sintomi della sindrome di hubris che osservarono nelle persone che detenevano il potere, alcuni dei quali sono comuni ai disturbi di personalità antisociali, istrionico e narcisistico:

1. Tendenza narcisistica a vedere il mondo come se fosse un semplice palcoscenico dove esercitare il potere, dimostrare le proprie capacità e cercare la gloria personale.

2. Eccessiva fiducia in se stessi che rasenta un sentimento di onnipotenza. Queste persone credono di sapere e di poter fare qualsiasi cosa, si sentono estremamente speciali e richiedono un trattamento privilegiato.

3. Eccessiva fiducia nel proprio giudizio e disprezzo per le opinioni, le idee ei criteri degli altri, che non sono mai all’altezza dei loro standard. Si rifiutano di dialogare perché gli unici punti di vista validi sono i loro e tendono a circondarsi di persone che non osano contraddirli.

4. Compiono azioni per glorificare se stessi ed esaltare o migliorare la propria immagine, cadendo spesso nella magniloquenza.

5. Si preoccupano eccessivamente per l’immagine che proiettano agli altri, così che tendono a cadere nell’eccentricità nel desiderio di mostrare che sono unici e speciali.

6. Parlano di attualità in modo messianico ed esaltato, trasformando ogni piccola conquista in una prova inconfutabile della loro grandezza. In effetti, di solito sono persone che gesticolano molto e alzano la voce per mostrare il loro potere.

7. Si identificano eccessivamente con il Paese, lo Stato e/o l’organizzazione, in modo che non ne “fanno parte” ma “lo sono”. Arrivano persino a credere che la nazione o le stesse istituzioni siano al loro servizio, spesso superando le funzioni della posizione che ricoprono perché le ritengono insostituibili.

8. Tendenza all’irrequietezza, all’impulsività e all’imprudenza che si manifesta continuamente nel loro comportamento, così che soffrono frequenti attacchi di rabbia o reagiscono mettendosi sulla difensiva quando sentono il loro ego minacciato.

9. Parlano di sé in terza persona e usano la forma regale del “noi”, ricorrendo a parole e frasi elaborate nel loro discorso che li fanno sembrare più istruiti e intelligenti.

- Annuncio Pubblicitario -


10. Sono assolutamente convinti che le loro proposte siano giuste e appropriate, ignorandone i costi. Spesso si vantano della loro apertura mentale, ma ignorano i dettagli e le clausole mentre giustificano le loro azioni con il fine che perseguono, che sarà sempre corretto.

11. Credono di non dover rendere conto ad altre persone o alla società, ma solo a tribunali superiori, come la Storia o Dio, quindi non prestano attenzione alle critiche o agli avvertimenti degli altri.

12. Sono certi che questo “tribunale” li assolverà perché comprenderà i loro motivi superiori, che i comuni mortali non possono comprendere o condividere.

13. Perdono il contatto con la realtà man mano che si isolano gradualmente dal loro ambiente. Queste persone iniziano a vivere nel mondo che hanno costruito nella loro mente, convalidato da coloro che li circondano che non osano contraddirli.

14. Incompetenza “hubristica” dovuta alla eccessiva fiducia in se stessi, mancanza di attenzione ai dettagli e disconnessione dal mondo. Sopravvalutando le proprie capacità, chiudendosi alle opinioni degli altri e agendo in modo impulsivo, queste persone possono prendere decisioni avventate e pericolose, sia per se stesse che per gli altri.

Owen e Davidson sottolinearono che per essergli diagnosticata la sindrome di hubris, una persona deve avere almeno tre dei 14 sintomi elencati.

Tuttavia, la verità è che la sindrome di hubris non riguarda solo i politici, ma può colpire chiunque abbia potere in qualsiasi campo dell’attività umana, dalla finanza allo sport, alla religione, all’istruzione o anche alla medicina.

Ovviamente, più a lungo la persona detiene il potere e maggiore è l’autorità che esercita, più è probabile che svilupperà questo quadro caratterizzato da arroganza e prepotenza. Si è anche visto che i tratti narcisistici aumentano le possibilità di sviluppare la sindrome di hubris.

È reversibile?

Owen e Davidson credono che la sindrome di hubris sia un disturbo reversibile che può regredire quando la persona perde o rinuncia al potere, anche se non è sempre facile tornare alla realtà. Per gli antichi greci, invece, questo disturbo aveva due possibili epiloghi.

In alcuni casi, la persona può realizzare il proprio stato e correggere il proprio comportamento e l’atteggiamento intraprendendo un percorso di apprendimento trasformativo che gli consente di trovare il suo valore e riconoscere il valore degli altri. In questi casi, la persona sviluppa umiltà, empatia e rispetto per gli altri.

L’altra possibilità è che intervenga Nemesi, la dea della giustizia, dell’equilibrio e della misura nella mitologia greca. Nemesi sarebbe incaricata di punire l’arroganza e di riportare la persona arrogante entro i limiti che ha superato, ripristinando così il naturale equilibrio. In pratica, la persona subirebbe degli “shock di realtà” che la costringono a rimettere i piedi per terra, una sorta di terapia d’urto.



Fonti:

Carvajal, C. (2014) Síndrome de Hibris: descripción y tratamiento. Rev. Méd. Chile; 142(2): DOI: 10.4067.

González-García, J. (2019) Síndrome de Hubris en neurocirugía. Revista de Neurología; 68: 346-353.

Owen, D. & Davidson, J. (2009) Hubris syndrome: An acquired personality disorder? A study of US Presidents and UK Prime Ministers over the last 100 years. Brain; 132(5): 1396–1406.

La entrada Sindrome di Hubris, persone la cui arroganza non conosce limiti se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteSalto con gli sci, oltre la gravità
Prossimo articoloIl fotografo morto in mezzo alla strada per la nostra indifferenza rivela fino a che punto ci siamo disumanizzati
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!