Non aspettarti che tuo figlio si calmi, se prima non ti calmi tu

0
- Annuncio pubblicitario -

“Calmati!” si sentono gridare alcuni genitori. Pretendono che i bambini si calmino, ma la loro voce e i gesti trasmettono un altro messaggio, intriso di frustrazione, ansia, angoscia o persino rabbia. I bambini catturano queste emozioni e, lungi dal calmarsi, si sentono più irrequieti e insicuri. Semplicemente non è coerente chiedere ai bambini di calmarsi quando gli adulti non sono in grado di farlo.

Fai quello che dico, non quello che faccio

L’autoregolazione emotiva è una capacità che non è sufficientemente sviluppata nei bambini. La gestione delle emozioni e il controllo degli impulsi dipendono fondamentalmente dai lobi prefrontali del cervello, che sono le ultime aree a svilupparsi. Questo spiega, almeno in parte, perché i bambini piccoli sono così impulsivi e impazienti. Spiega anche perché hanno difficoltà a calmarsi quando si irritano o si sentono frustrati.


D’altra parte, i più piccoli non hanno le strategie di gestione emotiva che noi adulti abbiamo sviluppato – almeno in teoria. Devono ancora capire quali cose li aiutano a sentirsi meglio quando sono tristi o permettono loro di calmarsi quando sono arrabbiati. Inoltre, non sono in grado di tradurre le proprie emozioni in parole, quindi sentono il bisogno di esprimerle fisicamente.

Per calmare un bambino e aiutarlo a sviluppare le capacità che gli consentono di assumere il controllo delle proprie emozioni, gli adulti devono diventare i suoi modelli. Ma quando gli adulti non riescono a mantenere la calma di fronte ai capricci dei propri figli, stanno dimostrando che le risposte più primitive sono una valida scelta comportamentale.

- Annuncio pubblicitario -

Quando gli adulti si lasciano vincere dallo sfinimento, la fretta o l’esaurimento nervoso e perdono la pazienza, stanno creando dei modelli di ruolo negativi. Certo, è comprensibile che di tanto in tanto perdiamo la pazienza. La vita di tutti i giorni può essere molto stressante. Tra responsabilità lavorative, sociali e familiari, è facile sentirsi sopraffatti. Ma se perdere la pazienza diventa il nostro pane quotidiano, non possiamo aspettarci che i nostri figli reagiscano con calma agli imprevisti, ai problemi e alle frustrazioni della vita.

Crescere mano nella mano con i nostri figli

I più piccoli sono, in un certo senso, come una tela bianca. Sebbene ogni bambino abbia le sue peculiarità, è compito degli adulti insegnargli a gestire al meglio le proprie emozioni. Tuttavia, è impossibile impartire una lezione quando viene impartita con urla, parole acide o addirittura violenza.

Alzare la voce può calmare uno scatto d’ira. Senza dubbio. Ma è una soluzione temporanea perché non permetterà ai bambini di migliorare. Urlare a un bambino non lo calmerà, gli farà solo reprimere l’espressione dell’emozione sottostante. Ciò non lo aiuterà ad affrontare le emozioni in modo assertivo. Al contrario, le invaliderà.

L’intelligenza emotiva è un elemento chiave nella genitorialità perché consente di convalidare i sentimenti dei bambini. Dopo aver analizzato 170 bambini e i loro genitori, i ricercatori dell’Università di Castilla La Mancha hanno concluso che la loro intelligenza emotiva influenza la personalità e la salute mentale dei loro figli. I piccoli non impareranno a calmarsi se i loro genitori non sanno come farlo.

Per questo motivo, i genitori dovrebbero cercare di agire ogni giorno con amore ed empatia. A volte educare un figlio è rieducare se stessi. A volte questo processo ci costringe a mettere in discussione i nostri atteggiamenti e reazioni. A volte crescere un figlio significa maturare noi stessi. A volte, semplicemente cresciamo con i nostri figli.

Come rassicurare un bambino?

Quando rispondiamo alle urla con più urla e alla rabbia con più rabbia, gli scoppi d’ira diventeranno una sorta di competizione per vedere chi alza di più la voce. Se vuoi che i tuoi figli imparino a gestire ciò che provano, è essenziale che tu mantenga la calma e insegni loro ad affrontare queste situazioni con rispetto e dialogo.

- Annuncio Pubblicitario -

• Mantieni la calma. È difficile, soprattutto dopo una brutta giornata o quando sei di fretta, ma conta fino a 10, 20 o 100 e respira profondamente. Ricorda che la tua reazione oggi può fare la differenza domani in tuo figlio.

• Convalida le sue emozioni. Se un bambino si comporta in modo irrequieto, arrabbiato o frustrato, chiedere che si calmi ignorando le proprie emozioni non è la soluzione. Quando i bambini fanno i capricci, è perché non sanno gestire i pensieri e le emozioni che li assalgono. Non minimizzarle, convalidale dando loro un nome e insegnando loro a esprimerle in modo più assertivo.

• Voce ferma e frasi chiare. Quando un bambino è arrabbiato, urlare o rimproverarlo servirà a poco. Idealmente, mantieni la calma, parlagli con voce ferma e dagli indicazioni chiare che possa capire rapidamente. Fagli conoscere le conseguenze immediate del suo comportamento se non si calma. Ricorda che è più facile per tuo figlio calmarsi quando trasmetti serenità, fiducia e sicurezza rispetto a quando sei in preda al panico. Parlagli sempre guardandolo negli occhi in modo che si senta ascoltato e ascolti.

• Incoraggia il dialogo. Certo, se il bambino è molto turbato, il dialogo non aiuterà molto, ma quando si sarà calmato, puoi parlargli di quello che è successo. Non lasciare che questa situazione passi. Prendila come un’opportunità per fargli presente come dovrebbe reagire la prossima volta che succede qualcosa di simile.

Infine, ricorda che la pazienza e il rispetto sono pilastri essenziali di una genitorialità positiva. Non pretendere dai tuoi figli ciò che non sei capace di fare. Se come genitori non sapete come controllare le vostre emozioni, non potete pretendere che lo facciano i vostri figli.

I problemi quotidiani possono farci perdere la calma, ma ricorda che i bambini non hanno chiesto di venire al mondo. È tua responsabilità non solo soddisfare i loro bisogni materiali, ma anche diventare un buon esempio, cercando di aiutarli a capire meglio se stessi ed esprimere ciò che sentono in modo più assertivo. La loro intelligenza emotiva dipende in larga misura da te, quindi se vuoi che un bambino si calmi, devi prima calmarti tu.

Fonte:

Sánchez, M. T. et. Al. (2020) Emotional Intelligence and Mental Health in the Family: The Influence of Emotional Intelligence Perceived by Parents and Children. Int J Environ Res Public Health; 17(17):6255.

La entrada Non aspettarti che tuo figlio si calmi, se prima non ti calmi tu se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -