Intrappolati nello shenpa: come smettere di abboccare all’amo?

0
- Annuncio pubblicitario -

shenpa

Tutti, qualche volta, abbiamo perso il controllo. Abbiamo ceduto a quell’impulso che cresceva dentro, divorando la ragione e la moderazione dietro di essa, spingendoci ad agire senza pensare. E non abbiamo sempre bisogno di forti provocazioni per cadere in quella trappola.

A volte è sufficiente un commento sarcastico di un collega. Un rimprovero del partner. Uno sguardo o un tono leggermente fuori posto. Una proibizione, o una tentazione. In certi momenti, qualsiasi situazione può farci abboccare, spingendoci al punto di non ritorno.

Ovviamente, il nostro “io” adulto e razionale è consapevole che stiamo reagendo in modo eccessivo, ma nonostante questo, non possiamo farci niente. È come quando proviamo a trattenere uno starnuto. Nel buddismo tibetano c’è una parola per descrivere questo stato: shenpa.

Cosa significa shenpa?

Secondo Pema Chödrön, il significato più comune di shenpa è solitamente “attaccamento”, ma in realtà la parola va oltre e implica “afferrarsi all’esperienza”, come il pesce che abbocca all’amo. È anche usato per riferirsi a un “fardello”, il fardello che si nasconde spesso dietro i nostri pensieri, parole e azioni, quel fardello che ci spinge a reagire impulsivamente.

- Annuncio pubblicitario -

Shenpa è anche un impulso. Infatti, possiamo riconoscerlo e sperimentarlo facilmente. È quel momento in cui proviamo un desiderio irrefrenabile di fumare una sigaretta o mangiare un dolce. La voglia di bere un altro drink, anche se sappiamo di essere andati oltre. O di sfogare la nostra rabbia e frustrazione contro qualcuno.

Il meccanismo psicologico che ci fa abboccare continuamente

Quando sorge un impulso, di solito c’è una pausa in cui decidiamo se liberarlo o contenerlo. Tuttavia, quando cadiamo in uno stato shenpa, l’impulso cresce in modo incontrollabile, fino a quando non possiamo più contenerlo. È come se non potessimo liberarci dell’esperienza che l’ha originato e delle emozioni che ha generato, rimaniamo attaccati all’amo che il mondo ci ha lanciato, anche se siamo consapevoli che questo atteggiamento ci danneggia o ferisce gli altri.

In pratica, la situazione in cui siamo immersi genera onde continue e intense che impediscono alla mente di acquietarsi e di assumere la distanza psicologica necessaria a contenere l’impulso. L’ego inizia a prendere il controllo, c’è un restringimento involontario della coscienza, perdiamo la prospettiva e sentiamo l’ansia crescere.

Allora sentiamo l’urgenza di muoverci nella direzione che ci indica l’impulso, non solo per rispondere alla situazione che l’ha originato, ma per cercare di calmare le emozioni spiacevoli. Quando proviamo disagio, irrequietezza o addirittura noia, invece di identificare quelle sensazioni, osservarle e lasciarle andare, senza fare nulla per liberarcene il prima possibile, cerchiamo tranquillanti come il cibo, il lavoro, gli acquisti compulsivi, le droghe, il sesso, l’alcol o persino le lamentele ei rimproveri, pensando che questo eliminerà il nostro disagio.

Quando questo meccanismo si perpetua, finiamo per cadere in una spirale negativa che ci fa soccombere sempre più velocemente alla rabbia, alle voglie e alle cattive abitudini. Ci lasciamo andare e iniziamo a vivere con il pilota automatico inserito, senza renderci conto che ci danneggia.

Le 4-R per superare lo shenpa

Per superare lo shenpa dobbiamo mantenere la consapevolezza e una profonda connessione con noi stessi. Questo lavoro richiede una comunicazione costante e, soprattutto, saperci ascoltare prestando attenzione a quello che vuole dirci il nostro “io”.

Dobbiamo imparare a distinguere gli spazi di cambiamento, come le pause nella musica o il momento tra un’inspirazione e un’espirazione. Quando diventiamo consapevoli di quelle piccole finestre di tempo abbiamo il potere di cambiare il corso degli eventi, delle relazioni e del nostro stato interiore. Quando impariamo a fermarci prima che la rabbia esploda, il pensiero che genera l’attacco d’ansia o la tentazione che ci porta ad accendere una sigaretta o mangiare della cioccolata, possiamo cambiare i vecchi schemi e il modo in cui viviamo.

Chödrön ci fornisce gli indizi per superare lo stato shenpa:

- Annuncio Pubblicitario -

1. Riconoscere lo shenpa. Il primo passo è riconoscere che, ci piaccia o no, abbiamo abboccato e siamo caduti in un circolo vizioso, sia a causa della situazione che delle emozioni e dei pensieri che ha generato. Se non siamo in grado di essere consapevoli di quello stato, non possiamo interromperlo. Pertanto, si tratta di osservare i semi che abbiamo piantato nella nostra mente. Tendiamo a reagire con rabbia alle circostanze che ci turbano? Non possiamo controllare determinati impulsi? Quali eventi ci fanno perdere il controllo? Quando rileviamo le situazioni in cui di solito “abbocchiamo all’amo”, dobbiamo attivare il nostro “allarme shenpa” per fermarle in tempo.

2. Trattenersi. Lo shenpa non è solo un impulso, è “afferrarsi all’esperienza”. Così, dobbiamo assicurarci di non seguire quella strada. Infatti, nel buddismo tibetano non significa espellere qualcosa da noi stessi, ma piuttosto vedere chiaramente attraverso quel qualcosa per agire di conseguenza. Ciò significa non aggrapparsi alla situazione o alle emozioni che hanno generato l’impulso. Non continuare a pensare alle parole che ci hanno fatto arrabbiare o alla situazione che ha scatenato paura o gelosia. Con qualunque cosa abbiamo a che fare, dobbiamo semplicemente frenare l’impulso di continuare a riprodurre quella situazione o emozioni nella nostra mente fermandoci prima di raggiungere il punto di non ritorno.


3. Rilassarsi. Sapere che non dobbiamo soccombere all’impulso è facile, il difficile è farlo. Tuttavia, gli esercizi di respirazione possono essere i nostri migliori alleati per calmare e liberare la mente. La respirazione profonda è una tecnica molto potente perché non solo ci porta pace interiore e calma, ma attiva il sistema nervoso parasimpatico per rallentare e abbassare efficacemente la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Quindi il nostro corpo e la nostra mente possono rallentare. Questo ci permette di concentrarci sul momento presente per liberarci dallo shenpa.

4. Risolvere. Una volta che siamo sereni, possiamo approfittare di quel momento di serenità, quella piccola finestra di pace, per cercare di trovare la fonte dell’insicurezza o affrontare l’esperienza provocante per analizzare da dove proviene, senza giudicarla. Imparare a essere calmi e controllare lo shenpa ci aiuterà a sentirci più a nostro agio con chi è a disagio. Ci permetterà di diventare meno reattivi, di poter decidere come agire, invece di lasciarci semplicemente trasportare dagli eventi. In questo modo saremo in grado di ballare al nostro ritmo, invece di ballare al ritmo stabilito da altri o dalle circostanze.

Naturalmente, non possiamo ripristinare la pace interiore dall’oggi al domani. Dobbiamo essere pazienti, compassionevoli e persistenti. Dobbiamo essere consapevoli che non sempre lo faremo bene. Potremmo superare alcune prove, ma ne falliremo altre. Lo shenpa ci indicherà gli strati più profondi dentro di noi che richiedono attenzione e guarigione.

Pertanto, questo processo di ricerca interiore deve essere contrassegnato dalla gentilezza verso noi stessi e dall’autoempatia. Senza queste qualità, ogni tentativo di trattenere lo shenpa sembrerà una camicia di forza, dalla quale proveremo a liberarci, per abboccare di nuovo all’amo.

“Finché siamo abituati ad aver bisogno di qualcosa a cui aggrapparci, sentiremo sempre questo ronzio di sottofondo di lieve disagio o inquietudine che ci spingerà nello shenpa”, scrive Chödrön.

                      

Fonti:

Chödrön, P. (2011) Libérate: Abandona tus temores y descubre el poder del ahora. Madrid: Ediciones Oniro.

Chödrön, P. (2009) Don’t Bite the Hook. In: The Buddhist Review: Tricycle.

La entrada Intrappolati nello shenpa: come smettere di abboccare all’amo? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -