Fluire non è lasciarsi trasportare dalla corrente

0
- Annuncio pubblicitario -

lasciarsi trasportare dalla corrente

Nel 1975 lo psicologo ungherese Mihaly Csikszentmihalyi parlò per la prima volta del flusso psicologico. Lo descrisse come uno stato in cui siamo così immersi nell’attività che stiamo realizzando che semplicemente perdiamo la consapevolezza di noi stessi e ci lasciamo trasportare, perfettamente in sintonia con l’ambiente.

Naturalmente, il concetto di flusso non è nuovo. Correnti filosofiche antiche come il buddismo e il taoismo parlavano già dell’esistenza di un tipo di energia in cui possiamo immergerci per raggiungere una comunione completa tra mente e corpo che ci aiuta a raggiungere i nostri obiettivi con il minimo sforzo. È il wu-wei.

Tuttavia, fluire non è semplicemente seguire il flusso, come molti pensano. In realtà, lasciarsi trasportare dalle circostanze può distoglierci dai nostri obiettivi, farci perdere completamente l’orientamento, toglierci la capacità di decidere e farci precipitare in uno stato di insoddisfazione.

I pericoli di lasciarsi trasportare dalla corrente

È più comodo lasciare che la vita agisca su di noi. Incolpare gli altri. Fuggire dalle nostre responsabilità. Lasciare che siano gli altri a decidere per noi. Nascondersi dietro la scusa che le circostanze non sono propizie. Andare, insomma, dove tira il vento.

- Annuncio pubblicitario -

A prima vista, le persone che seguono questa tecnica sembrano più flessibili, rilassate e felici.

Ma questa “filosofia della vita” contiene un pericolo che non può essere sottovalutato: non prendere decisioni.

Alla lunga lasciarsi trasportare dalla corrente significa diventare come foglie mosse dal vento. In genere si tratta di persone che non riescono mai a prendere il controllo della propria vita perché non agiscono, si limitano semplicemente a rispondere.

Anche se questo atteggiamento può sembrare liberatorio, in realtà li rende schiavi delle circostanze. Le persone senza obiettivi concreti o piani per raggiungerli rischiano di rimanere intrappolati nella rete degli eventi.

Si tratta spesso di persone indecise, che non hanno le idee chiare su ciò che vogliono, non hanno abbastanza coraggio per perseguire i propri sogni o non sono disposte a compromettersi. Di conseguenza, non è raro che diano grande importanza alle circostanze e riducano al minimo il loro potere.

- Annuncio Pubblicitario -


In quei casi, lasciarsi trasportare diventa semplicemente un meccanismo di difesa per non fare nulla. Quelle persone non fluiscono, hanno solo un locus di controllo esterno. Pertanto, rischiano di trascorrere gran parte della loro vita dipendendo dalle circostanze, in attesa di venti favorevoli che probabilmente non arriveranno mai.

Il risultato è solitamente frustrazione e insoddisfazione.



Cosa significa veramente fluire?

Fluire non significa rimanere inattivi. Non è sinonimo di passività. Infatti, uno dei principi più importanti del wu-wei è: “non lasciare nulla di intentato”. Fluire significa imparare a fidarsi degli eventi e approfittare delle circostanze, ma non significa lasciarsi trasportare sempre dalla corrente o rinunciare alla nostra capacità di decidere.

Fluire è fare le cose in modo spontaneo e naturale, senza caricarci di preoccupazioni inutili o aggiungere tensione scegliendo i momenti sbagliati. Abbracciare il flusso non significa che non dovremmo avere degli obiettivi, ma che dobbiamo rimanere vigili per sfruttare le circostanze propizie che ci permetteranno di raggiungere i nostri obiettivi senza aggiungere inutili pressioni mentali.

Come un buon marinaio, dobbiamo aspettare che soffi il vento giusto per spiegare le vele. Non possiamo lasciarle spiegate rimanendo sempre in balia dei cambiamenti del vento che ci portano lontano dalla nostra destinazione. E bisogna avere un piano B per i giorni in cui il mare non è favorevole.

Infatti, per imparare a fluire dobbiamo essere più che mai consapevoli della nostra realtà, di noi stessi e del nostro mondo per poter rilevare quelle finestre di opportunità che ci aiutano a raggiungere i nostri obiettivi.

Fluire implica anche conoscere i nostri limiti personali e situazionali. Quindi possiamo contrastarli o, se necessario, fissare degli obiettivi più realistici. Fluire non è salpare ad occhi chiusi, ma pianificare, prepararsi e, una volta in mare, prendere decisioni in base alle circostanze che ci avvicinano alla nostra destinazione.

Se riusciamo, se impariamo a fluire, la nostra vita sarà più facile. Se ci limitiamo a lasciarci trasportare, possiamo finire per naufragare su un’isola inospitale.

La entrada Fluire non è lasciarsi trasportare dalla corrente se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteEros Ramazzotti: dedica tenerissima per gli 11 anni della figlia Raffaela Maria
Prossimo articoloMichelle Hunziker e la figlia Aurora comprano un test di gravidanza: a chi servirà?
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!