Figli àncora e figlie bastone della vecchiaia, genitori che si impossessano della vita dei propri figli

0
- Annuncio pubblicitario -

figli bastone della vecchiaia

C’era un tempo in cui le famiglie cercavano di concepire un’ultima figlia. Doveva essere una donna e, consapevolmente o meno, veniva educata in modo da non formare una propria famiglia e accettare il suo ruolo nella vita, che era predeterminato in anticipo: sarebbe stata il “bastone della vecchiaia” dei suoi genitori, la persona che li avrebbe accompagnati e si sarebbe presa cura di loro negli ultimi anni della loro vita.

Conosciuti anche come “figli àncora”, all’interno della famiglia questo fenomeno viene considerato come la “benedizione” dello stare insieme, ma se si presta maggiore attenzione si possono percepire anche note di risentimento, frustrazione o addirittura rimpianto. Oggi molti genitori continuano inavvertitamente a intrappolare i propri figli nella rete dei loro bisogni, paure e insicurezze.

Quando i figli sono concepiti come un possesso

I figli vengono in questo mondo per essere liberi e hanno bisogno di libertà per costruire la propria vita. Devono essere in grado di sviluppare le proprie convinzioni, commettere i propri errori, prendere le proprie decisioni e modellare la propria identità. Il compito dei genitori è quello di aiutarli a esplorare il mondo con fiducia, in modo che diventino sempre più autonomi e indipendenti e percorrano il proprio cammino con sicurezza.

Tuttavia, quando i genitori legano emotivamente un figlio, diventano un ostacolo al suo sviluppo. Alcuni genitori, infatti, cominciano a concepire il destino dei propri figli praticamente dal momento in cui nascono. In questo caso si tratta di figli concepiti per soddisfare i bisogni dei genitori e non per la vita. Si tratta di figli che sono concepiti come una proprietà.

- Annuncio pubblicitario -

Questi genitori anticipano il loro futuro perché vedono questo figlio solo come un rifugio dalla solitudine o un badante per la vecchiaia. Alcuni sperano anche che il figlio “àncora” prenda il controllo dei suoi fratelli o porti avanti la tradizione di famiglia, così come l’attività del genitore.

Questi genitori pensano che il figlio sia di loro proprietà esclusiva, come se fosse un oggetto. Non si rendono conto che è una persona indipendente che deve costruire la sua vita e non è venuto al mondo per soddisfare i loro bisogni. È come se il cordone ombelicale non fosse mai stato reciso, per cui ogni volta che il figlio rivendica un po’ d’indipendenza, i genitori lo legano più stretto per impedirgli di abbandonare la famiglia.


In realtà, i genitori che usano i propri figli come un’àncora o un bastone sono vittime delle proprie paure e insicurezze. Perché non le superano, le trasmettono ai loro figli. In un certo senso, hanno messo in moto un meccanismo di manipolazione emotiva basato sul sacrificio e sulla sacralità dei legami familiari per “costringerli” a stare con loro e non formare una propria famiglia. Ma la maggior parte di loro non è consapevole del danno causato da queste responsabilità.

Un figlio ancorato alle disgrazie dei suoi genitori

La figlia “bastone della vecchiaia” o il figlio “àncora” vengono cresciuti espressamente per soddisfare le aspettative dei genitori, quindi non sorprende che finiscano per vedere il mondo attraverso i loro occhi. Fin dai primi anni viene instillato loro che la tranquillità e i desideri dei genitori dovrebbero prevalere sui loro interessi.

Frasi come “non puoi partire per quel viaggio perché soffrirò molto se ti succede qualcosa” o “non fare tardi perché non riuscirò a dormire pensando che ti succederà qualcosa” riflettono una preoccupazione reale, ma anche egocentrica dei genitori, che antepongono le loro paure e la loro tranquillità al desiderio di esplorare di un bambino o il desiderio di divertirsi di un adolescente. Quell’iperprotezione, più che proteggere, finisce per inabilitare i loro figli.

Fin dalla tenera età, questi figli imparano a cedere ai desideri dei genitori mentre sviluppano il senso di colpa. Presumono di non poter condurre la vita che vorrebbero perché i loro genitori non la approvano. A lungo andare, possono anche credere di non essere in grado di costruirsi una vita indipendente semplicemente perché non hanno avuto occasione di mettere alla prova le proprie capacità.

- Annuncio Pubblicitario -

I figli percepiscono questi mandati e li rispettano per cieco amore filiale, per fedeltà ai genitori e ai valori che hanno instillato in loro. Ecco come si costruisce una relazione di dipendenza. Fedeli a quella sorta di patto implicito che hanno firmato nel loro cuore senza considerarne le conseguenze, molti figli rinunciano alla propria vita per continuare a vivere con i genitori e anche quando riescono a formare una famiglia, le pretese eccessive dei genitori generano conflitti , problemi e disaccordi nella loro relazione.

Il mandato consiste nell’assumersi la responsabilità del benessere e della felicità dei loro genitori, qualunque sia il costo. Ovviamente, ciò implica portare un enorme fardello emotivo perché nessuno dovrebbe assumersi la responsabilità della felicità di un altro.

I figli “àncora” si sentono in colpa solo al pensiero di condurre una vita indipendente. E se provano a volare via e recidere il cordone ombelicale, finiscono per essere bollati come “figli snaturati”, anche se in realtà non fanno altro che andare per la loro strada.

Come uscire dal circolo vizioso e sviluppare un amore sano?

In generale, questo tipo di relazione tende a generare intensi sentimenti di amore-odio nei confronti dei genitori. Infatti, in molti casi questa situazione diventa un conflitto latente con continue pretese da parte di entrambe le parti, che quasi sempre si sentono insoddisfatte delle esigenze/dedizione dell’altro. Quando questa relazione persiste nel tempo, diventa malsana, generando un affetto irrazionale e nevrotico.

Questa relazione di solito si traduce anche in figli frustrati con basse aspettative nella vita. Figli insicuri e insoddisfatti che hanno rinunciato alla propria esistenza e alla propria felicità per compiacere i propri genitori. Bambini che ignorano i propri bisogni e desideri a favore di un presunto amore. Infatti, spesso dopo la morte dei genitori, i figli “àncora” si sentono soli e non sanno cosa fare della loro vita perché non hanno mai sperimentato la libertà di decidere.

Per spezzare questo circolo vizioso tossico, è importante che i genitori siano consapevoli che le loro parole, atteggiamenti, paure, insicurezze e aspettative legano i figli, caricando sulle loro spalle un fardello pesante che non gli corrisponde e impedisce loro di vivere liberamente.

In tal caso, come genitore puoi dire: “figlio mio, ti libero. Ti libero dal prenderti cura della mia solitudine, dei miei problemi, delle mie paure, delle mie insicurezze, dei miei sogni non realizzati e delle mie mancanze. Ti do le ali perché tu possa volare in totale libertà e costruire la vita che hai sempre sognato”.

D’altra parte, se sei un figlio “àncora”, devi liberarti dal fardello che i tuoi genitori ti hanno imposto senza il tuo consenso. Puoi aiutarli durante la vecchiaia ed essere al loro fianco quando ne hanno bisogno, ma la loro felicità non è una tua responsabilità. Non devi rimanere ancorato per tutta la vita al loro fianco. Hai il diritto di costruirti la tua vita senza sentirti in colpa.

Ricordiamoci che, come genitori, il miglior regalo che possiamo fare ai nostri figli è la libertà. La grandezza di un buon padre o di una buona madre consiste nel crescere persone libere, sicure, indipendenti e autodeterminate. Consiste nel dare le ali ai loro figli e insegnare loro a volare.

La entrada Figli àncora e figlie bastone della vecchiaia, genitori che si impossessano della vita dei propri figli se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -
Articolo precedenteHarry e Meghan sfrattati dal Frogmore Cottage con lo zampino del Principe William: i retroscena
Prossimo articoloAlessia Cammarota è incinta del terzo figlio. L’annuncio social: “Il sole arriva per tutti”
Redazione MusaNews
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!