Come idratarsi bene: 10 trucchi per riuscirci

0
- Annuncio pubblicitario -








Se ci sono dei cibi imprescindibili alla nostra alimentazione, allo stesso modo vi è una bevanda indispensabile alla nostra sopravvivenza: l’acqua. Berne almeno 1,5 litri al giorno non è sempre facile, specialmente d’inverno. Esistono, però, dei semplici trucchi che possono permetterci di bere con costanza durante tutto l’arco della giornata e di restare idratati. Inoltre, per una buona idratazione si possono assumere anche altre bevande, come centrifughe, tisane o frullati. L’importante è prestare attenzione ai loro principi nutritivi!

1. “Disintossicarsi” al mattino

Se la parola disintossicazione vi sembra nebulosa, allora parliamo di idratazione! Perché bere è un gesto vitale, assolutamente necessario per rendere fluido il sangue e aiutare i reni a funzionare. Per eliminare le tossine, soprattutto quelle accumulate quotidianamente a causa dello stress e dell’inquinamento, è necessario bere acqua.
È sempre meglio iniziare sin dal mattino, sia che si abbia sete oppure no. Per rendere questa abitudine meno forzata, si può ricorrere alla preparazione di alcune centrifughe, a partire dalla semplice limonata fatta in casa: basta mescolare il succo di un limone spremuto e un bicchiere d’acqua con o senza una fetta di cetriolo e si avrà subito il primo gesto detox della giornata. Ricordatevi che è da fare a stomaco vuoto!

Perché? Perché bere favorisce la salute dei reni. Per quanto riguarda il limone: è perfetto fin dal mattino, perché contiene vitamina C e soprattutto antiossidanti. Inoltre appare come alcalinizzante per l’organismo. Tuttavia, dovrebbe essere evitato dalle persone che soffrono di bruciore di stomaco.

- Annuncio pubblicitario -

Per chi non ama il limone o ha problemi gastrici, ci sono altre soluzioni: vitamine da assumere ogni giorno per essere in forma e per soddisfare il nostro fabbisogno di vitamina D, C e B12.

Come idratarsi bene© iStock

2. Pensare alla propria salute

Nella famiglia delle bevande antiossidanti, ovvero che proteggono il corpo, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Dal tè verde al succo di aloe vera o all’acqua di cocco: tutti queste bevande si adattano alle esigenze di ognuno, idratando e senza contenere zuccheri. Inoltre, solamente bevendoli si avrà la sensazione di star facendo un geso semplice ma che fa bene alla salute.

Attenzione: la maggior parte delle bevande vendute come antiossidanti sono a base di succo di frutta e sono ricche di zuccheri. Leggere sempre bene, quindi, l’etichetta sui principi nutritivi per non rischiare di assumere zuccheri e carboidrati nocivi.

3. Idratarsi attraverso alcuni alimenti

Come abbiamo già acennato bere 1,5 litri al giorno va bene. Anzi, è l’ideale. Tuttavia, risulta insufficiente a compensare le perdite fisiologiche di acqua equivalenti a 2-2,5 litri d’acqua al giorno, nel caso si facesse sport o in una giornata particolarmente calda.
La buona notizia è che 3 pasti al giorno sono sufficienti per completare questa razione giornaliera, a condizione che si mangino sempre frutta e verdura, anche in modo alternato.

Attenzione: l’idratazione degli alimenti dipende dal contenuto d’acqua dei pasti. Una dieta ricca di frutta, verdura e alcuni prodotti caseari, come la ricotta, è più idratante di una dieta ricca di proteine e di alimenti amidacei. La cosa migliore da fare è mantenere un buon equilibrio tra questi vari tipi di cibo.

4. Usare dei bicchieri come indicatori

Anziché contare la vostra razione d’acqua in centilitri o in numero di bottiglie, stimiamo il vostro consumo d’acqua in numero di bicchieri. 1,5 litri di acqua sono all’incirca 2 bicchieri a ogni pasto: 2 bicchieri al mattino e 2 al pomeriggio. Bisogna considerare almeno un bicchiere d’acqua in più per ogni mezz’ora di sport o caldo torrido.

Da sapere: queste cifre sono solo medie. Ogni individuo, infatti, ha i suoi bisogni. Alcune condizioni interne, come malattie croniche, mestruazioni, gravidanza, ecc., richiedono una maggiore idratazione. Lo stesso vale per alcune condizioni ambientali: per esempio, fare sport al coperto, restare in una stanza con l’aria condizionata oppure con un tasso di calore elevato.

Come idratarsi bene© iStock

5. Sorseggiare una bevanda come abitudine

Sorseggiare con calma e tranquillità una bevanda ha sempre fatto piacere. È un’abitudine che risale ai secoli antichi, dove già s’immaginavano gli dei mentre degustavano il nettare. Perciò, è bene tenere a mente questa immagine e scegliere bevande che non siano per forza acqua, ma a base d’essa, per deliziare le papille gustative due o tre volte al giorno.

Attenzione: non aspettate di avere sete per bere. La bevanda “del piacere”, ovvero contenente zuccheri, può anche essere un buon modo per mantenersi idratati senza rendersene conto. L’importante è che non contenga alcol.

6) Tenere una borraccia sempre con sé

Il miglior riflesso antidisidratazione è quello di mettere una bottiglia di riserva nella borsa. La scelta ottimale a livello personale e, soprattutto, ecologico è quella di una borraccia. Se ne trovano ormai molte in commercio e potete scoprire le più convenienti e alla moda su Amazon. Ci sono le borracce in acciaio Inox a soli 14,95€ e quelle di vetro a meno di 11€!

Da sapere: pulisci regolarmente la tua borraccia. Avendola sempre con te e utilizzandola più volte, si fa del bene al Pianeta e si evita la proliferazione di rifiuti di plastica come quelli derivanti dal consumo di acqua in bottiglia.​

7. Acque detox e frullati senza zucchero

L’attenzione si concentra su frutta e verdura ad alto contenuto d’acqua, che vengono mescolati in un composto fresco. Tra le bevande di tendenza, spiccano le acque disintossicanti e i frullati, senza zucchero aggiunto, a base di foglie di cetriolo o spinaci e le centrifughe di anguria e menta. Lo stesso vale per il gazpacho, il succo di melone e di pomodoro.

Attenzione: quando fa caldo, si suda di più, quindi bisogna bere di più. Quindi, se da una parte l’alcol non aiuta per niente, dall’altra ci sono degli alimenti che si rivelano degli alleati. Per esempio, la zuppa fredda è un ottimo modo per idratarsi, in quanto reintegra i sali minerali che si eliminano con il sudore. Infine, bere acqua di sodio aiuta a raggiungere il livello d’acqua di cui il corpo ha bisogno.

Come idratarsi bene© iStock

8. Fare delle pause

Anche quando si è immersi nel lavoro o si è fuori per una giornata di svago, pensiamo a fermarci, da un lato per respirare, dall’altro per idratarci. Che sia un bicchiere d’acqua fresca, un frullato o un sorbetto accompagnato da un bicchiere d’acqua, l’importante è fare una sosta e pensare alle esigenze del nostro corpo.

Attenzione: non sono solo gli sportivi a doversi idratare! Bere regolarmente senza aspettare fino a quando non si ha sete impedisce al cervello di disidratarsi e permette di rimanere efficienti. Perché la sete è già un segno di disidratazione e un cervello che rallenta, con una memoria in calo, un lavoro meno preciso e persino difficoltà a trovare le parole o mal di testa.

Come idratarsi bene© iStock

9. Bere acqua anche quando si fa serata

Anche quando siete fuori per una serata con gli amici e persino a ballare, ricordatevi di bere uno o due bicchieri d’acqua sì, acqua, non altre bevande – all’ora. Ballare fa sudare e l’alcol favorisce la minzione: è, quindi, necessario compensare regolarmente le perdite idratando, preferibilmente con acqua.

Attenzione: l’alcool non idrata, bensì disidrata. La sera, quindi, si dovrebbero alternare bevande alcoliche e analcoliche, senza superare un massimo di 4 bicchieri di alcolici a sera.

10. Tisane e infusi

Come idratarsi bene© iStock

Oggi sono sempre di più le persone che durante l’autunno e l’inverno – ma non solo – gradiscono una tazza di tisana. Infatti, esistono sempre più sapori per i diversi infusi, in grado di adattarsi ai gusti di ogni persona. Di norma, le tisane naturali non contengono teina e quindi sono perfette come metodo per idratarsi. Da provare almeno una volta fredda, così da poterla gustare anche d’estate.

Attenzione: bere almeno una tazza di tisana al giorno è una buona abitudine da prendere. Tuttavia, evitatelo poco prima di andare a letto per evitare che rilasci il suo effetto detox durante la notte e vi costringa ad alzarvi.

Cibi disintossicanti: gli alimenti per la dieta detox© iStock
Melograno© iStock
Barbabietola rossa© iStock
Acqua© iStock
Finocchi© iStock
Mirtilli© iStock
Crescione© iStock
Papaya© iStock
Carciofi© iStock
Riso integrale© iStock
- Annuncio pubblicitario -