Benedetta ignoranza: il male che ignori oggi si moltiplicherà domani

0
- Annuncio pubblicitario -







La logica ci dice che se le informazioni sono utili, dovremmo prestarvi attenzione, prenderne nota e agire di conseguenza. È irrazionale nascondere la testa sotto la sabbia per non voler vedere informazioni che possono avvantaggiarci o darci qualche utile indizio per il futuro. Ma lo facciamo spesso. Ci rifiutiamo di vedere la realtà.

I ricercatori della Northwestern University chiesero a più di 2.300 persone se volessero conoscere diversi tipi di informazioni che potevano essere loro utili in tre aree: salute, finanze e relazioni interpersonali.

Il 32% delle volte le persone decisero di non voler conoscere le informazioni. Gli psicologi conclusero che in alcuni casi evitiamo attivamente le informazioni che possono aiutarci o essere utili per migliorare il nostro futuro. Perché?

Scegliere di non sapere

Ignorare è un verbo attivo. Implica il decidere in modo più o meno consapevole di non voler sapere, approfondire, cercare o capire di più. Ci sono due ragioni principali per cui mettiamo in moto il meccanismo dell’ignoranza motivata: la mancanza di controllo percepito e il costo edonico.

- Annuncio pubblicitario -

La nostra tendenza a evitare le informazioni potenzialmente utili o benefiche aumenta con la diminuzione del nostro senso del “controllo percepito”. In altre parole, quando crediamo di non poter fare nulla per evitare la situazione, preferiamo ignorare alcune informazioni, come la probabilità di soffrire di una grave malattia genetica.

Tuttavia, possiamo sempre fare qualcosa, così che, almeno in teoria, tutte le informazioni sono utili, se sappiamo come usarle con saggezza. Sebbene non possiamo sempre cambiare i risultati, possiamo cambiare il percorso. Forse non siamo in grado di fermare il decorso di una malattia grave, ma potremmo migliorare la qualità della vita durante quel periodo con un trattamento adeguato.

Un altro motivo per cui abbracciamo l’ignoranza è il costo edonico. Quando crediamo che le informazioni influenzeranno il nostro benessere soggettivo a breve termine, facendoci godere di meno il presente, tenderemo ad ignorarle, anche se questo rappresenterà un costo maggiore in futuro.

Scoprire che siamo pagati meno di altri colleghi, ad esempio, potrebbe farci godere di meno il lavoro, quindi potremmo preferire non saperlo. Ma ancora una volta, tutto dipende da come utilizziamo tali informazioni, dato che potremmo trarne vantaggio per ottenere un aumento o potrebbe rappresentare la spinta di cui abbiamo bisogno per cercare un lavoro diverso in cui sentirci più soddisfatti e realizzati.

Come sfuggire a questo pregiudizio?

Ovviamente, non tutti reagiamo allo stesso modo alle informazioni difficili da gestire o con un potenziale destabilizzante. È stato riscontrato che le persone che accettano meglio i rischi e quelle fortemente concentrate sul futuro, hanno maggiori probabilità di prestare attenzione alle informazioni utili, siano esse negative o positive. Così sono anche quelli che mostrano un atteggiamento più curioso nei confronti della vita e le persone che sono più ricettive ai punti di vista opposti.

Ciò significa che possiamo evitare la tendenza a ignorare ciò che non ci piace, anche se si tratta di informazioni preziose e utili.

Il primo passo è riconoscere che l’ignoranza volontaria è ovunque, incluso in noi stessi. Ad esempio, quando i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti se volevano sapere quanto tempo passavano oziando sul lavoro, usando i social media o chiacchierando davanti alla macchina del caffè, due su cinque non volevano saperlo. Inoltre, uno su cinque non voleva sapere come i propri colleghi valutassero i suoi punti di forza e di debolezza.

Il secondo passo è essere consapevoli che tutto dipende da come utilizziamo tali informazioni. Vivere voltando le spalle alla realtà, avendo una conoscenza limitata dell’ambiente, ci farà prendere decisioni di parte che ci porteranno ad avere comportamenti disadattivi.

Chiudere gli occhi non farà sparire i problemi o le avversità, anzi, è probabile che questi continueranno a crescere finendo per colpirci più duramente.

Invece, dobbiamo renderci conto che l’informazione è libertà, anche se all’inizio può essere difficile adattarla alla nostra mentalità o alla traiettoria della nostra vita.

Fonti:

Ho, E. et. Al. (2020) Measuring Information Preferences. Management Science; 10.1287.

Stackpole, T. (2020) We actively avoid information that can help us. In: Harvard Business Review.

Shepherd, S. & Kay, A. C. (2011) On the Perpetuation of Ignorance: System Dependence, System Justification, and the Motivated Avoidance of Sociopolitical Information. Journal of Personality and Social Psychology; 102(2): 264 –280.

La entrada Benedetta ignoranza: il male che ignori oggi si moltiplicherà domani se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -