Skincare: SOS siero notte per il viso, perché usarlo?

0
- Annuncio pubblicitario -

Oleoso o acquoso, il siero viso notte è l’alleato perfetto per rigenerare la pelle, detossinarla e combatterne le imperfezioni. Basta saperlo scegliere in base alle proprie esigenze 

Siero viso notte, questo sconosciuto? In pratica sì, perché se è vero che le italiane stanno entrando sempre più in confidenza con questo cosmetico, dall’altro lato molte non sanno ancora come usarlo. Eppure, una volta scoperto, è difficile farne a meno, soprattutto di notte quando la pelle è più concentrata sulla rigenerazione cellulare.

Siero viso notte, a cosa serve?

- Annuncio Pubblicitario -


Liquido, acquoso o oleoso, è un prodotto ad alta concentrazione di ingredienti dalla composizione molecolare particolare che gli permette di penetrare in profondità l’epidermide in pochissimi secondi. Applicato tra il tonico e la crema idratante, il siero potenzia i risultati e gli effetti di quest’ultima, per questo se ne consiglia l’uso in tandem. Per le sue caratteristiche, il siero è l’alleato non solo per il giorno ma soprattuto per la notte, da usare sempre dopo lo step del tonico e prima della crema notturna. I suoi plus in questo momento della giornata sono infatti molti: oltre a essere una vera e propria coccola, svolge una funzione detossinante, ovvero elimina tutte le tossine che la pelle ha accumulato durante il giorno purificandola; inoltre stimola l’attività cellulare tipica di questo momento della giornata così da garantire non solo maggiore morbidezza al tatto il mattino successivo ma soprattutto di rinforzare la barriera cutanea contro l’esterno svolgendo quindi anche un’azione protettiva. Infine, nutre e idrata l’epidermide combattendo così la disidratazione, la secchezza causata dalla mancanza d’acqua e quindi lo svuotamento dell’ovale. Ne bastano poche gocce tutte le sere da stendere delicatamente su viso, collo e décolleté.

- Annuncio pubblicitario -



Sieri notturni viso per pelli spente e problematiche

Quando iniziare a usarlo e come sceglierlo?

Non c’è un’età prestabilita per l’introduzione del siero notturno nella propria routine, le pelli da sempre secche possono anche iniziare ad averne bisogno anche dai 20 anni mentre per quelle normali-miste i 25 rappresentano un buon inizio. Ma qual è il siero notturno adatto? Tendenzialmente, le epidermidi più secche hanno un bisogno maggiore di nutrimento e idratazione per cui i sieri a base di vitamina E, che è un antiossidante, di niacinamide che migliora l’elasticità, di acido glicolico e ialuronico, il primo esfolia e il secondo idrata, sono i più indicati. Se la pelle invece a fine giornata appare spenta c’è bisogno di ingredienti che combattono i radicali liberi ma che stimolano anche la rigenerazione cellulare, come il tè verde o l’acido ferulico. Per le pelli acneiche o particolarmente imperfette si deve invece puntare sulla vitamina C che aumenta la produzione di collagene e accelera la riparazione e sfiamma, ma anche sullo zinco perché attenua la produzione di sebo.

Sieri notturni viso detox e illuminanti

The post Skincare: SOS siero notte per il viso, perché usarlo? appeared first on Grazia.

- Annuncio pubblicitario -