Curare il problema o i sintomi, la decisione che può cambiare per sempre la tua vita e la tua salute

0
- Annuncio pubblicitario -

problemi-sintomi

Curare il problema o i sintomi? È il dilemma amletico che incontreremo tutti prima o poi nella vita. La decisione che prendiamo può influire sul nostro benessere e avere gravi ripercussioni sulla nostra salute a lungo termine.

Sfortunatamente, la maggior parte delle persone si concentra sulla cura dei sintomi, non sulla causa. Se hanno mal di testa o bruciore di stomaco, prendono qualcosa per alleviarlo, senza chiedersi quale potrebbe essere la causa. In questo modo, non è strano che finiscano per annegare in un mare di farmaci ignorando le cause che stanno generando le loro condizioni. Peggio ancora, potrebbero finire per prendere molti farmaci e comunque non sentirsi mai bene.

Trattare i sintomi, non il problema, soprattutto quando si parla di salute mentale, implica condannarsi a un circolo vizioso in cui i comportamenti disadattivi che hanno causato il disagio continuano a ripresentarsi, aggravando ulteriormente i sintomi e innescando nuovi disagi. Naturalmente, ciò non significa che in alcuni casi non sia necessario trattare i sintomi e ricorrere a farmaci, ma l’ideale è trovare la causa e lavorare a un livello più profondo e olistico per sradicarla.

Gli insegnamenti del trattamento olistico applicati nel mondo antico

Trattare i sintomi dimenticando il problema non è sempre stata la norma. Uno dei centri sanitari più noti nel mondo antico e uno dei primi a curare i disturbi mentali fu Asclepeion a Pergamo, che risale al IV secolo a.C. Infatti, il medico Galeno si formò proprio in quell’ospedale.

- Annuncio pubblicitario -

Tuttavia, i trattamenti impiegati non erano quelli a cui siamo abituati. Il complesso era più simile a un moderno centro termale perché aveva fontane, palestre e bagni, circondato da boschi e giardini. Aveva persino un’odeon in cui si tenevano concerti poiché anche la musica era un’importante terapia per gli antichi, un teatro dove venivano fatte rappresentazioni a scopo terapeutico (qualcosa di simile allo psicodramma moderno) e una biblioteca a disposizione dei pazienti in modo che potessero nutrire il loro intelletto.

Quell’ospedale praticava una specie di triage. I malati venivano visitati e classificati alla Grande Porta. In seguito ricevevano un trattamento completo che poteva comprendere digiuno, bagni di fango, interpretazione dei sogni, massaggi, unguenti, erbe, musica, danza, passeggiate nei giardini, induzione del sonno e riposo. Molte volte, per trovare la causa, veniva utilizzato un metodo chiamato incubatio, che consisteva nell’analisi dei sogni.

Infatti, se prendiamo in considerazione che molti dei nostri sogni riflettono le nostre preoccupazioni e paure quotidiane o più profonde, analizzarli può darci degli indizi sul nostro stato emotivo e sulla sua espressione nel corpo, sebbene questa distinzione dualistica non troverebbe posto nella medicina olistica.

I 3 ostacoli che impediscono di rilevare l’origine e curare la causa di disturbi e malattie

Sintomi come ansia, affaticamento, dolori muscolari o problemi di memoria sono spesso un indicatore che qualcosa non va. Ci segnalano che il nostro equilibrio si è rotto. Questi sintomi sono come le spie di avvertimento delle auto, servono a indicare che qualcosa non va. Allo stesso modo in cui non ignoriamo l’indicatore accesso nell’auto, ma la portiamo dal meccanico per scoprire cosa sta succedendo, non dovremmo ignorare i nostri sintomi. Eppure questo è esattamente ciò che molte persone fanno quotidianamente quando si rivolgono a droghe, alcol o eccessi alimentari per alleviare il loro disagio.

Sfortunatamente, la medicina convenzionale incoraggia in qualche modo questa visione. Lo fa ogni volta che prescrive un farmaco senza cercare la causa del problema, solo per alleviare il sintomo. Non sono molti i medici che, ad esempio, quando i pazienti presentano disturbi epigastrici, chiedono informazioni sulla loro salute mentale.

Infatti, nella società moderna ci sono tre principali ostacoli – sia a livello scientifico che personale – che ci portano a trattare i sintomi, non la causa:

1. Assenza di una visione olistica. Con l’espansione del bagaglio teorico e procedurale di ogni ramo della scienza, si è verificata una sempre maggiore compartimentazione. Nel caso delle scienze legate all’essere umano, ciò implica vederlo come un insieme di parti o pezzi che devono essere riparati o sostituiti quando si rompono o funzionano male. Pochi professionisti vedono il tutto nella sua integrità e complessità. Inoltre, molte persone non capiscono che i loro pensieri ed emozioni possono influire sulla loro salute fisica o che il loro stile di vita può influire sulla loro salute psicologica.

2. Mancanza di tempo cronica. In un mondo che gira a una velocità vertiginosa, il tempo è una merce sempre più scarsa. Se i medici non hanno abbastanza tempo nelle loro visite, non saranno in grado di conoscere a fondo i loro pazienti, quindi si concentreranno solo sul trattamento dei sintomi. Allo stesso modo, se non dedichiamo tempo all’introspezione cercando di trovare le cause psicologiche del nostro disagio, ci limiteremo a lamentarci di quanto stiamo male o di quanto siamo infelici senza chiederci cosa possiamo fare per migliorare la nostra condizione. La mancanza di tempo cronica, quindi, ci porta a cercare soluzioni semplicistiche.

3. Cercare soluzioni facili. Anche la società dei consumi pone una trappola alla nostra salute: farci credere di poter soddisfare i nostri bisogni in tempi rapidi, con il minimo sforzo. Ma quando si tratta di salute, non ci sono scorciatoie o percorsi facili. Curare, proteggere o ripristinare la nostra salute fisica e psicologica è un impegno che dobbiamo rinnovare ogni giorno. Implica anche un atto di riflessione che ci porta ad analizzare il nostro stile di vita, comportamenti e pensieri, seguito da un atteggiamento proattivo per cambiare ciò che deve essere cambiato. Per questo molte persone preferiscono ricorrere a “soluzioni” più facili e veloci. Il problema è che in molti casi queste non sono vere soluzioni ma “cerotti” che servono solo a coprire la causa.

I 5 pilastri della guarigione per trattare il problema, non i sintomi

Qualsiasi problema di cui soffriamo, sia esso prevalentemente fisico o psicologico, richiederebbe un approccio olistico che integri tutte le nostre sfaccettature:

1. Fisica. È altrettanto sbagliato ignorare i sintomi psicologici come quelli fisici. In effetti, dobbiamo imparare a connetterci di più con il nostro corpo. Imparare ad ascoltarlo per capire di cosa ha bisogno in ogni momento e non alterare la sua omeostasi. Quando ascoltiamo il nostro corpo possiamo sapere quali cibi gli fanno bene e quale attività fisica lo rigenera. Sapremo quando avremo bisogno di riposare e quando potremo spingerci al limite.

Naturalmente, ascoltare il nostro corpo a volte significa anche usare dei farmaci per trattare determinate condizioni. A volte il nostro corpo ha bisogno di un aiuto extra e ignorare quella chiamata potrebbe solo aggravare la malattia.

2. Psicologica. I nostri pensieri ed emozioni hanno un enorme impatto sul nostro benessere fisico e psicologico. Se passiamo tutto il giorno intrappolati nelle nostre preoccupazioni e ci sottoponiamo a uno stress continuo, non sorprende che questo stato finisca per presentarci il conto. I problemi psicologici possono non solo aggravare diverse malattie fisiche, ma anche agire come scatenante delle stesse.

- Annuncio Pubblicitario -


I ricercatori dell’Università di Aalto hanno scoperto l’enorme impatto delle diverse emozioni sul nostro corpo. Hanno visto che la rabbia contenuta, ad esempio, è associata a un doppio rischio di subire un infarto, mentre lo stress innesca processi infiammatori che sono alla base di malattie come il cancro.

3. Comportamentale. Serve a poco sapere cosa ci fa bene se non lo mettiamo in pratica. I nostri comportamenti sono, in definitiva, quelli che possono proteggere il nostro benessere o, al contrario, dargli il colpo di grazia. Lo stile di vita che conduciamo e le decisioni che prendiamo ogni giorno influenzeranno la nostra salute.

È importante essere consapevoli che ogni decisione ci avvicina o allontana dal benessere, con un impatto sulla nostra salute che può diventare cumulativo. Con questa idea in mente, possiamo prendere decisioni salutogene che fanno pendere la bilancia a nostro favore.

4. Spirituale. Anche le nostre convinzioni influenzano il nostro benessere. Le credenze possono generare una sensazione di pace e tranquillità, confortandoci e aiutandoci ad affrontare meglio le avversità, ma possono anche essere un’arma a doppio taglio che ci fa precipitare nella disperazione o nel cinismo. Sviluppare il nostro lato spirituale può aiutarci a trovare un significato nella nostra vita che ci fa sentire meglio.

In questo senso, una revisione sistematica di centinaia di studi ha concluso che “le persone che sono più spirituali hanno una salute mentale migliore e si adattano più rapidamente ai problemi di salute rispetto a quelle che sono meno spirituali. Questi benefici per la salute mentale e il benessere hanno conseguenze fisiologiche che influenzano la salute fisica, il rischio di malattia e la risposta al trattamento”.

5. Sociale. È di scarsa utilità seguire uno stile di vita sano e fare spesso pulizia mentale se siamo circondati da un ambiente tossico. Le relazioni interpersonali possono essere la nostra più grande fonte di felicità o, al contrario, generare disagio, problemi e conflitti. Pertanto, dobbiamo anche assicurarci di circondarci di persone che portano nella nostra vita tutto ciò che vogliamo promuovere.

Gli psicologi della Ohio State University, ad esempio, hanno scoperto che mantenere una relazione ostile caratterizzata da discussioni può ritardare la guarigione delle ferite. Un altro studio condotto presso la State University di New York ha scoperto che una relazione che ci rende infelici finisce per causare sintomi della depressione, problemi con l’alcol e molti altri sintomi fisici.

Analizzando queste cinque aree, è possibile trovare la causa e comprendere i diversi fattori coinvolti in malattie e disturbi, in modo che, lavorando sull’origine, possiamo eliminare tutti i sintomi contemporaneamente, promuovendo un benessere autentico. Ovviamente, l’applicazione di questo approccio richiede più tempo e impegno, ma genera un cambiamento che è alla base della nostra salute olistica a lungo termine, quindi ne vale la pena.



Fonti:

Roberts, D. (2017) Are You Simply Treating Your Symptoms? In: Psychology Today.

Barr, A. B. et. Al. (2016) Romantic relationship transitions and changes in health among rural, White young adults. J Fam Psychol; 30(7): 832-842.

Nummenmaaa, L. et. Al. (2014) Bodily maps of emotions. PNAS; 111(2): 646-651.

Koening, H. G. (2012) Religion, Spirituality, and Health: The Research and Clinical Implications. ISRN Psychiatry; 278730.

Rodríguez, M. A. (2010) El hospital de Asclepio en Pérgamo. Revista Científica de la Sociedad Española de Enfermería Neurológica; 32: 62-65.

Kielcot-Glaser, J. K. et. Al. (2005) Hostile marital interactions, proinflammatory cytokine production, and wound healing. Arch Gen Psychiatry; 62(12): 1377-1384.

La entrada Curare il problema o i sintomi, la decisione che può cambiare per sempre la tua vita e la tua salute se publicó primero en Angolo della Psicologia.



- Annuncio pubblicitario -