Lavorare sotto pressione, condizione desiderabile o sfruttamento insostenibile?

0
- Annuncio pubblicitario -

lavorare sotto pressione

La capacità di lavorare sotto pressione è un’abilità lavorativa molto richiesta. Ci sono anche persone che sono orgogliose di dire che sono in grado di lavorare sotto pressione e lo menzionano nel loro curriculum.

Non c’è dubbio che il mercato del lavoro è cambiato molto negli ultimi decenni. Molte attività in sospeso, scadenze sempre più strette e richieste di disponibilità quasi totale rendono il lavoro contro il tempo la norma, piuttosto che l’eccezione. In una società che privilegia la produttività sopra ogni cosa, non potrebbe essere diversamente. Tuttavia, se non la freniamo, la pressione del tempo ci schiaccerà. Letteralmente.

Le conseguenze di lavorare a lungo sotto pressione

In una certa misura, è normale che il lavoro generi pressione. Lavorare, a volte, è faticoso, implica il superamento di ostacoli, la risoluzione di problemi e, a volte, il superamento di noi stessi. Questo presuppone un notevole dispendio di energie e molta tensione. Per questo è importante imparare a gestire lo stress delle scadenze e saper affrontare la pressione quando dobbiamo aumentare le nostre prestazioni.

Ma quel livello di pressione non può essere mantenuto a lungo, né dovrebbe diventare la norma. Tutti abbiamo un livello di tolleranza allo stress e quando lo superiamo, le conseguenze del lavoro contro il tempo non tardano ad apparire.

- Annuncio pubblicitario -

Molto presto passeremo dall’eustress, quella dose di stress positivo che ci motiva, ci dà energia e persino attiva la nostra creatività, al distress, uno stress distruttivo a livello mentale e fisico. Lo stress del lavoro sotto pressione fa precipitare le nostre prestazioni. Non solo causa esaurimento, ma ci blocca, in un modo che si ritorce contro di noi.

Spesso porta anche a irritabilità e frustrazione. Infatti, i ricercatori dell’Università Johannes Gutenberg hanno scoperto che la pressione del tempo sul lavoro può essere peggiore dell’allungamento dell’orario di lavoro. I dipendenti che sono stati costretti a lavorare più velocemente hanno mostrato livelli più elevati di stress e irritabilità, anche a casa, e il loro impegno lavorativo è diminuito.

Un altro studio condotto presso l’Università della Calabria ha rivelato che lavorare sotto pressione influisce sulle nostre prestazioni cognitive, sia verbali che logiche. Quindi, come è possibile che ci siano anche ricerche che dimostrano che lavorare sotto pressione è buono?

La spiegazione viene da un esperimento condotto in Germania nell’arco di otto settimane in cui si è riscontrato che inizialmente lavorare contro il tempo ha un effetto positivo per le persone che l’affrontano come una sfida. Tuttavia, si è anche scoperto che questo effetto positivo si annulla nel corso del tempo. Hanno così concluso che “sebbene un aumento a breve termine possa essere vantaggioso per un periodo di tempo, l’esposizione stabile e prolungata alla pressione del tempo riduce l’impegno sul lavoro e demotiva i lavoratori”.

In breve, lavorare sotto pressione non è sempre un male, ma quando diventa la norma, ne pagheremo le conseguenze.

Dobbiamo imparare a lavorare sotto pressione, ma dobbiamo anche imparare a dire “no”

Per molto tempo, lavorare sotto pressione è stata considerata un’abilità desiderabile. Ma quell’immagine sta cambiando grazie a nuovi studi psicologici che dimostrano che scadenze ravvicinate e carichi di lavoro elevati riducono le prestazioni e, ovviamente, incidono sulla salute psicologica e fisica dei lavoratori.

- Annuncio Pubblicitario -


Un ritmo frenetico di lavoro, in cui intraprendere un’inutile corsa contro il tempo, non è né sostenibile né auspicabile. Il lavoro dovrebbe essere, per la maggior parte, fonte di soddisfazione professionale e personale, non causa di stress e disagio. La pressione dovrebbe essere mantenuta entro limiti ragionevoli e salutari.

Dobbiamo capire che la pressione per finire il prima possibile – o per ieri – finisce per essere controproducente. Influisce sui nostri risultati, aumenta le possibilità di sbagliare e ci spinge a lavorare al di sotto delle possibilità a cui potremmo aspirare con scadenze più ragionevoli.

Dobbiamo essere consapevoli dei nostri limiti e non accettare il nostro “campo di lavoro forzato”, come lo chiamava il filosofo Byung-Chul Han. Viviamo in una società performativa ed è facile essere portati a credere che se non siamo capaci di lavorare sotto pressione accettando scadenze quasi disumane, non siamo all’altezza del compito. Non è così. È un errore.

La società e le macchine possono correre quanto vogliono, ma gli esseri umani hanno dei limiti. Quei limiti non li rendono peggiori o migliori, più o meno preziosi, ma semplicemente umani. Dobbiamo riconoscere quando stiamo per superare quei limiti, soprattutto se il lavoro sotto pressione inizia a diventare la norma.

Rifiutare la pressione permanente non significa essere meno capaci, ma solo avere bisogno di più tempo per svolgere meglio il lavoro e farlo più comodamente. Significa, soprattutto, che valorizziamo il nostro equilibrio mentale e la nostra salute al di sopra delle aspettative e delle pressioni. E, forse, con un po’ di fortuna, significa che stiamo facendo i passi necessari per cambiare un modello di lavoro che non è sostenibile, né auspicabile.

Fonti:

Baethge, A. et. Al. (2019) “Some days won’t end ever”: Working faster and longer as a boundary condition for challenge versus hindrance effects of time pressure. Journal of Occupational Health Psychology; 24(3): 322–332.

Baethge, A. et. Al. (2018) A matter of time? Challenging and hindering effects of time pressure on work engagement. Work and Stress; 32(3): 228-247.

De Paola, M. & Gioia, F. (2016) Who Performs Better under Time Pressure? Results from a Field Experiment. Journal of Economic Psychology; 53: 37-53.



La entrada Lavorare sotto pressione, condizione desiderabile o sfruttamento insostenibile? se publicó primero en Angolo della Psicologia.

- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteI cinque linguaggi dell’amore – Libri per la mente
Prossimo articoloDedica agli Invisibili
Questa sezione del nostro Magazine si occupa anche della condivisione degli articoli più interessanti, belli e di rilievo editati da altri Blog e dai Magazine più importanti e rinomati presenti nel web e che hanno permesso la condivisione lasciando i loro feed aperti allo scambio. Questo viene fatto gratuitamente e senza scopo di lucro ma col solo intento di condividere il valore dei contenuti espressi nella comunità del web. Quindi…perché scrivere ancora su argomenti quali la moda? Il make-up? Il gossip? L'estetica, la bellezza e Il sesso? O altro ancora? Perché quando lo fanno le donne e la loro ispirazione tutto prende una nuova visione, una nuova direzione, una nuova ironia. Tutto cambia e tutto s’illumina con nuove tonalità e sfumature, perché l'universo femminile è un enorme tavolozza con infiniti e sempre nuovi colori! Un’intelligenza più arguta, sottile, sensibile, più bella… …e il bello salverà il mondo!