Esistono 3 tipi di confini personali, ma solo uno è sano

0
- Annuncio pubblicitario -

tipi di confini personali

Molte persone hanno una percezione negativa dei confini personali. Credono che siano restrittivi e che non dovrebbero esistere. In realtà, i confini personali ci aiutano a mantenere relazioni sane e contribuiscono al nostro benessere.

Senza confini, è difficile che le relazioni prosperino e siano soddisfacenti, quindi cedono il passo alla delusione, al risentimento e alla frustrazione. Essere in grado di stabilire diversi tipi di confini personali è essenziale per proteggere il nostro spazio personale e costruire la nostra identità, che proteggerà la nostra salute mentale a lungo termine.



Infatti, uno studio condotto presso l’Università del South Australia ha rivelato che il personale sanitario attiva dei confini emotivi nella vita quotidiana, spesso senza esserne pienamente consapevoli, per proteggersi dal dolore psicologico.

Il problema, quindi, non sono i confini, ma i confini inadeguati. I confini non sono né positivi né negativi di per sé. Tutto dipende da come li applichiamo.

- Annuncio pubblicitario -

Una persona che non pone confini alle proprie relazioni interpersonali può sembrare molto aperta e ricettiva, ma si espone anche ad essere continuamente ferita o sfruttata dagli altri. D’altra parte, una persona con dei confini estremamente rigidi si chiuderà alle relazioni e potrebbe non avere una rete di supporto sociale per supportarla nei momenti più difficili. La chiave, come ogni cosa nella vita, è l’equilibrio.

Cosa sono i confini personali?

I confini personali sono le nostre regole che stabiliamo nelle relazioni. Sono una sorta di linea immaginaria o scudo che ci separa o ci protegge dagli altri quando cercano di minare il nostro equilibrio mentale, consapevolmente o involontariamente.

Queste regole hanno lo scopo di segnalare le nostre linee rosse, le cose che non siamo disposti a consentire o con cui non ci sentiamo a nostro agio. Ci sono molti esempi di confini personali sani: non permettere l’umiliazione, decidere cosa fare del nostro tempo libero, restare fedeli ai nostri valori o difendere la nostra privacy.

I 3 tipi di confini personali

1. Confini rigidi

Questo tipo di confini è caratterizzato da regole inflessibili che la persona applica rigorosamente, senza tener conto del contesto o dei diritti e dei bisogni degli altri. Queste persone pensano che i loro valori, modi di pensare o bisogni siano gli unici possibili e non lasciano spazio agli altri, chiudendosi al cambiamento.

Infatti, chi ha dei confini rigidi evita l’intimità con gli altri e mantiene relazioni emotivamente distanti. Stabilisce una barriera emotiva difficile da superare, motivo per cui tende ad avere pochi amici. È improbabile che queste persone chiedano aiuto quando hanno un problema perché preferiscono tenerlo per sé.

Sono persone che difendono molto la loro privacy, al punto che possono arrivare a sembrare fredde e distaccate, anche con i loro partner. In realtà, questi confini rigidi sono spesso il risultato di un atteggiamento difensivo in quanto queste persone preferiscono tenere gli altri a distanza per evitare un possibile rifiuto. I confini sono i muri emotivi dietro i quali si proteggono.

2. Confini porosi

La persona con confini porosi non ha praticamente confini emotivi o è estremamente lassista. Non tiene nulla per sé, non ha difficoltà a raccontare i problemi più intimi, anche agli estranei, quindi finisce spesso per esporsi inutilmente.

Inoltre tende ad essere troppo coinvolta nei problemi degli altri, al punto da sviluppare una profonda sindrome da empatia. Questa quasi assenza di confini la rendono anche più vulnerabile alla manipolazione emotiva, motivo per cui di solito è una persona soggetta ad abusi o mancanza di rispetto. Spesso si sente anche responsabile dei problemi degli altri o in colpa per i sentimenti degli altri.

Infatti, ha difficoltà a dire di “no” alle eccessive richieste degli altri, quindi finisce per sovraccaricarsi di compiti e obblighi che non gli corrispondono. Alla base dei confini porosi c’è un’elevata reattività emotiva e una profonda dipendenza dall’opinione degli altri. Temendo il rifiuto sociale, queste persone preferiscono sottomettersi e allentare continuamente i propri confini consentendo agli altri di imporre i propri bisogni, desideri o punti di vista.

3. Confini sani

Le persone con confini personali sani tendono ad essere equilibrate. Sono chiari sui loro valori e sanno in quali casi non sono disposti a scendere a compromessi, ma sono anche in grado di adattarsi alle circostanze e, se necessario, ampliare i propri confini. Sono consapevoli dei loro bisogni e desideri e sono in grado di comunicarli in modo assertivo. Significa che sanno dire di “no” quando le richieste sono eccessive, senza sentirsi in colpa. E accettare anche un “no” come risposta.

- Annuncio Pubblicitario -


Questo tipo di limite personale, ci permette di distinguere le nostre emozioni, pensieri e valori dagli altri e ci aiuta ad assumerci la responsabilità di essi, ma allo stesso tempo ci impedisce di assumerci le colpe degli altri che non ci corrispondono.

Le persone con confini sani stabiliscono relazioni equilibrate in cui condividono le informazioni personali in modo appropriato. Non si cedono emotivamente al primo cambiamento, ma non costruiscono neppure muri quando la relazione progredisce. I confini sani derivano da una forte autostima e una grande fiducia nelle capacità e nei valori personali. Questa fiducia in se stessi è ciò che consente anche di riconoscere gli errori e di rendere i confini più flessibili o ampliarli quando necessario.

In un mondo ideale, dovremmo applicare quei confini salutari a tutte le sfere della vita. Tuttavia, ci risulta più facile applicare diversi tipi di confini personali. Ad esempio, possiamo avere confini rigidi sul lavoro, dove non lasciamo passare nulla, ma applichiamo confini troppo porosi in famiglia o nel rapporto con il partner al punto da cadere nella dipendenza affettiva. Pertanto, è sempre valido ripensare ai nostri confini personali.

Come stabilire dei confini personali sani e assertivi?

È necessario porre dei confini a se stessi o nei rapporti con gli altri. Uno studio condotto presso l’Università di Innsbruck, ad esempio, ha scoperto che quando lo stress da lavoro supera i nostri confini psicologici, la nostra famiglia ne paga il conto.

Invece, i confini sani hanno un effetto protettivo. Ci impediscono di dare consigli indesiderati e di intrometterci nella vita degli altri, oltre a impedire che gli altri si intromettano troppo nella nostra. Ci aiutano anche a non incolpare gli altri e a non diventare il loro capro espiatorio.

Una condizione sine qua non per stabilire dei confini sani è essere consapevoli dei nostri sentimenti, valori e responsabilità verso noi stessi e verso gli altri. Se non abbiamo chiaro chi siamo e cosa vogliamo, non saremo in grado di stabilire dei confini sani.

L’altra condizione affinché questi confini siano efficaci è saperli comunicare. Per fare questo, dobbiamo concentrarci su noi stessi. Dobbiamo avere chiaro che i confini personali servono a proteggere noi stessi, non a controllare gli altri.

Quindi, invece di dire a una persona: “smettila di immischiarti nella mia vita” puoi dire: “è una questione personale, deciderò io”. Con la prima frase, la persona può sentirsi attaccata o addirittura ferita, se cerca di aiutarti in buona fede. Con la seconda frase stai cortesemente rifiutando il suo aiuto mentre stabilisci un confine personale.

Se proviamo a stabilire dei confini per rabbia o perché siamo stati rimproverati, non ci ascolteranno. I confini non hanno lo scopo di punire, ma di proteggere il nostro benessere. Pertanto, sono più efficaci quando mostriamo un atteggiamento fermo, ma assertivo e calmo.

Il terzo dettaglio importante che dobbiamo tenere a mente è che molte volte non possiamo stabilire alcun tipo di confine personale senza definire le conseguenze. In altre parole, quando si fissano dei confini, dobbiamo chiarire all’altro perché sono importanti per noi e fino a che punto siamo disposti a spingerci per difenderli. In questo modo l’altra persona può prendere una decisione informata.

In breve, la chiave per stabilire dei confini sani è capire cosa vogliamo ed essere chiari con gli altri, sempre in un quadro di rispetto e assertività. Stabilire dei confini non è egoistico. Ogni volta che dici di “no” a qualcosa che ti ferisce, stai dicendo di “sì” a te stesso.

Fonti:

Hayward, R. M. Tuckey, M. R. (2011) Emotions in uniform: How nurses regulate emotion at work via emotional boundaries. Human Relations; 64(11):1501-1523.

Hoge, T. (2009) When work strain transcends psychological boundaries: an inquiry into the relationship between time pressure, irritation, work–family conflict and psychosomatic complaints. Stress and Health; 25(1): 41-51.

Stiles, A. & Raney, T. J. (2004) Relationships Among Personal Space Boundaries, Peer Acceptance, and Peer Reputation in Adolescents. Journal of Child and Adolescent Psychiatric Nursing; 17(1): 29-40.

La entrada Esistono 3 tipi di confini personali, ma solo uno è sano se publicó primero en Angolo della Psicologia.



- Annuncio pubblicitario -

Articolo precedenteTessuti di tendenza per look perfetti 2021
Prossimo articoloKirsten Dunst è incinta!
Credo nel potere della mente, della positività e soprattutto in Dio. Esperto delle leggi universali. Metto a disposizione queste mie conoscenze per incontrare il proprio "io" verso il cammino del cambiamento. Investigatore delle cause che provocano negatività e cattivi comportamenti presenti alla base dei fallimenti umani. Ricercatore e scopritore di vite che sono esempi positivi e maestri della crescita personale, spirituale e mentale.